Tagli alle pulizie scolastiche, sindacati sul piede di guerra. "Donne monoreddito sul lastrico" In evidenza

Scuole chiuse venerdì in quasi tutta la provincia della spezia, capoluogo compreso, per l'allerta meteo di livello due che mollerà la presa soltanto a mezzanotte.

Giovedì, 16 Gennaio 2014 19:17

Bambini e ragazzi a casa, ché nessuno vuole rischiare brutti scherzi, visto il prolungato acquazzone. E la macchina del Centro Coordinamento Soccorsi, ieri, si è messa subito in moto per far scudo con il suo ombrello agli spezzini alle prese con l'ennesima allerta in poche settimane. Anche quest'ondata di maltempo passerà, e presto suonerà per i fanciulli l'odiata campanella. Altrettanto presto, però, scolari spezzini di tutte le età faranno i conti con scuole più sporche e meno sicure: la scure dei tagli si è abbattuta infatti sugli appalti di pulizia e sorveglianza all'interno degli plessi scolastici. In particolare, la situazione riguarda due istituti - l'Isa 6 (4 scuole: media Mazzini, elementare Carducci, scuole dell'infanzia Fossamastra e Beghi) e l'Isa 8 (7 scuole: medie Cattaneo e Cervi, elementari Favaro, Melara e San Venerio, elementari Favaro e San Venerio) – ed è stata illustrata congiuntamente dalle sigle sindacali giovedì mattina, nelle sede Uil di via Persio. "Gli istituti hanno comunicato che dal sette gennaio ci sarebbe stato il nuovo taglio. – ha spiegato Marco Furletti, segretario provinciale Uil Trasporti – L'Isa 6, dove lavorano in 4, ha proposto un taglio del 44,4%; l'Isa, che vede all'opera 9 persone, un taglio del 42,6. Parliamo di donne, alcune delle quali monoreddito e con figli a carico, con contratti a tempo indeterminato, ma part time, pagate 7 euro lordi all'ora e finora in grado di portare a casa, mediamente, 400-500 euro al mese". La cooperativa Maris, a cui fanno capo gli addetti a pulizia e sorveglianza in questione, non accetta il taglio e non ha firmato il contratto, alle nuove condizioni. Il servizio, quindi, sta andando avanti con le modalità in vigore fino alla fine del 2013. E in ballo c'è una bella contraddizione di fondo: "La legge di stabilità – ha spiegato sempre Furletti – garantisce che almeno fino al 28 febbraio non cambi niente: una rassicurazione arrivata grazie agli incontri con il ministro Carrozza. Tuttavia, i due Isa hanno destinato ai servizi un quantitativo di risorse decisamente inferiore. È un atteggiamento scellerato. Abbiamo deciso quindi di manifestare sotto la Prefettura venerdì mattina, perché le nostre istanze arrivino al governo centrale". C'è quindi nebbia assoluta sul futuro di tredici lavoratrici; ma c'è naturalmente grande preoccupazione per il calo di qualità dei servizi di pulizia e sorveglianza comportati dalla sostanziosa sforbiciata. Il rischio è giocare con le condizioni minime di sicurezza, barcollando sull'asticella o addirittura scendendo abbondantemente al di sotto. Se poi si pensa che un taglio del 25% c'è già stato nel 2009 è facile capire come la situazione nelle popolose scuole spezzine sia al limite. "La questione è molto seria. – ha detto Concetta Meloro dello Snavs, sindacato autonomo dei lavoratori della scuola – Le ditte di pulizia, nel corso degli anni, in particolare dopo il 2000, hanno dovuto cominciare anche a fare vigilanza: un passaggio di per sé delicato. E ora ci sarà il rischio, per esempio, di vedere personale dedito a pulizia e sorveglianza per quattro ore, con il resto della mattinata scoperto. Pensiamo ai pericoli che correrebbero tanti bambini della scuola materna e delle elementari: una vera e propria stortura. Ma il ministero della pubblica istruzione non ha più un euro. La situazione è allarmante".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il gruppo di opposizione Rilanciamo Bolano replica all'assessore. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Autunno 2019: riparte SpeziaOutdoor

Martedì, 17 Settembre 2019 11:21 cultura-la-spezia
Con settembre si riparte con il calendario autunnale, questa volta integrato dalle visite guidate di AGTL, l’associazione delle guide turistiche della Liguria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa