Innovativo intervento di cataratta su due gemelli eseguito dall'oculista spezzino Gian Maria Cavallini

Eccezionale intervento di estrazione di cataratta su due gemelli di 9 anni di nazionalità Sahrawi eseguito ieri, 26 luglio 2013, presso il Policlinico di Modena da uno spezzino, il prof. Gian Maria Cavallini, Direttore della Struttura Complessa di Oftalmologia, con una tecnica innovativa che prevede l'impianto di un cristallino artificiale pieghevole attraverso una micro incisione di 1,3 mm.

Sabato, 27 Luglio 2013 10:03
L'intervento ha interessato l'occhio sinistro in ciascun bambino, si è svolto senza complicanze e il decorso sta procedendo secondo i programmi. Si prevede di operare a settembre entrambi i pazienti al secondo occhio.

"A nostra conoscenza – spiega il prof. Gian Maria Cavallini – è il primo intervento al mondo ad essere stato eseguito su bambini con una incisione così piccola. In precedenza gli interventi chirurgici prevedevano incisioni più ampie per impiantare cristallini meno flessibili. La tecnica chirurgica innovativa utilizzata in questi ultimi casi è demominata B- MICS (bimanual microincision cataract surgery) e prevede l'utilizzo di microsonde ad ultrasuoni per l'aspirazione della cataratta che si è sviluppata nei primi anni di vita". Questa tecnica consente di eseguire minime incisioni, grazie a strumenti di ridotte dimensioni che riducono l'invasività dell'intervento, assicurando una buona visione del campo operatorio durante tutta la procedura chirurgica. La disponibilità di un nuovo cristallino artificiale costituito da materiale acrilico a minor idrofilia, in grado di incrementare la sua flessibilità oltre i limiti consueti, consente di inserirlo attraverso una microincisione di 1,3 mm.
La Struttura Complessa di Oftalmologia del Policlinico di Modena è punto di riferimento per la chirurgia pediatrica della cataratta. Dal 2002 a oggi il prof. Gian Maria Cavallini ha operato presso la Struttura Complessa di Oftalmologia del Policlinico 35 occhi in 22 piccoli pazienti con età media di 4 anni, coadiuvato dal dott. Alberto Brombin e dalla dott.ssa Stefania Piaggi che svolgono l'importante ruolo di preparazione e follow-up di questi piccoli pazienti con accurati controlli ravvicinati e terapia riabilitativa.
L'Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena dal 2009 è vicino al popolo Saharawi. I chirurghi pediatrici, gli urologi e gli anestesisti del Policlinico, infatti, collaborano con l'Associazione di Solidarietà con il Popolo Saharawi "Kabara Lagdaf" di Modena e l'Associazione di medici ospedalieri WITH YOU, del quale è presidente il dottor Pierluca Ceccarelli, chirurgo pediatrico del Policlinico che commenta. "I due pazienti erano giunti a Modena nell'ambito del programma di ospitalità dei bambini saharawi che prevede periodi di 2-3 mesi in Italia, organizzati da Karbala Lagdaf. Avevano questa doppia cataratta congenita e WITH YOU si è attivata, grazie alla disponibilità del Policlinico e dei suoi professionisti, per l'intervento che, lo auspichiamo, può inaugurare un nuovo progetto col Saharawi relativo alla cataratta".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Peggioramento delle condizioni meteo a partire da domani. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
E-Distribuzione dà il via all’attività di monitoraggio aereo dei cavi di media tensione. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa