Troppe case in vendita, mercato ko In evidenza

Dall'analisi del mercato immobiliare ligure monitorato dagli Agenti immobiliari appartenenti alla Fiaip si è rilevato, nel corso del 2011, un mercato a due velocità. Nella prima parte dell'anno, e in particolare fino all'estate, il mercato ha mostrato, nel segmento abitativo, qualche seppur timido segnale di ripresa, anche per quegli alloggi destinati alla redditività da locazione. La domanda è stata sostenuta soprattutto per immobili di taglio piccolo e medio. L'ultimo quadrimestre del 2011,

Martedì, 17 Aprile 2012 18:09
contrariamente alle previsioni, ha mostrato evidenti segni di criticità, non facilmente prevedibili nella misura evidenziata, con un considerevole irrigidimento della domanda, a fronte di un'offerta apparsa invece stazionaria, con la conseguente contrazione dei volumi di compravendita. Nell'intero arco regionale i tempi medi di compravendita hanno mostrato segnali di allungamento, assestandosi in media attorno ai 234 giorni, segnale della perdurante difficoltà del mercato ad assorbire l'eccesso di offerta. In Liguria il divario medio percentuale tra il prezzo richiesto e quello effettivamente praticato nella compravendita è pari al 15%.

Tra le principali criticità riscontrate si evidenziano le false aspettative di realizzo di gran parte dei venditori, tuttora ancorati ai livelli degli anni 2006/2007, a cui si aggiungono le difficoltà degli approvvigionamenti bancari che finiscono col pesare, in maniera negativa, sui giovani e sulla fascia di mercato intermedia oltre ad una scarsa propensione al rischio da parte degli investitori. La nostra regione è caratterizzata da una domanda costante e prezzi stabili nella fascia costiera, mentre sono ancora in affanno le aree interne e dell'entroterra. Tra i capoluoghi il mercato evidenzia segnali negativi, seppur contenuti, ad Imperia e Savona, mentre alla Spezia una forte contrazione della richiesta è sinonimo di un mercato ancora in fase recessiva.

Il mercato immobiliare spezzino

L'analisi degli Agenti immobiliari Fiaip mostra una città con un mercato in difficoltà a causa della grave crisi occupazionale che ha investito la nostra provincia mostrando risvolti negativi sul mercato delle compravendite e delle locazioni, a fronte di una instabilità dell'offerta e dei prezzi richiesti vi è una crescita disomogenea della domanda con le zone periferiche sempre più richieste a fronte di prezzi più bassi, mediamente il calo dei valori è compreso tra un 10-20 per cento a seconda della zona e tipologia e ha come conseguenza l'allungamento dei tempi di vendita, 6,7 mesi, e la flessione dei canoni di locazione richiesti.

Il Centro storico si divide in molte microaree ognuna delle quali meriterebbe un'analisi approfondita in quanto molto diseguali l'una dall'altra,dove si è registrato un calo dei prezzi ma non dell'offerta tantomeno della domanda con valori medi che oscillano tra i 2.500 e i 3.500 euro al metro quadro.

Il mercato manifesta segnali di stabilità nei quartieri periferici, ma dotati di servizi e infrastrutture e prossimi al centro, come Migliarina, Mazzetta, Chiappa dove si registrano valori medi tra 1900 €/mq e 2300 €/mq e una domanda orientata al taglio medio piccolo dal bilocale, richiesto ad uso investimento, al trilocale per le giovani coppie.

In aumento la domanda rivolta alla locazione con un aumento di contratti agevolati stipulati nei comuni ad alta densità abitativa: di media la richiesta per un appartamento di tre vani libero da mobili oscilla da 400-450 euro che può arrivare a 550 euro per un ammobiliato, per un quattro vani libero da mobili si può partire da 450-500 euro per arrivare a 650 euro per un ammobiliato

Analisi a parte meritano le zone di mare come Portovenere, Lerici e parte delle Cinque Terre dove, sulla base delle percezioni degli operatori del settore, si è evidenziato, soprattutto negli ultimi sei mesi, un mercato in crescita nelle quantità domandate per acquisto a fronte di un'offerta apparsa stabile rispetto ai livelli dell'anno precedente. In grande sofferenza le aree stravolte dalla alluvione con un forte calo della domanda e conseguente allungamento dei tempi di vendita.

Note previsionali 2012

Concludendo con alcune note previsionali, gli Agenti immobiliari Fiaip prevedono la prosecuzione dell'attuale congiuntura almeno sino al prossimo autunno, una sostanziale stagnazione del mercato con una timida ma perdurante flessione dei prezzi a fronte di un'offerta stazionaria e una stabilità del numero delle compravendite, fermo restando il gravoso problema della concessione del credito. Il mercato immobiliare, infatti, nel corso degli ultimi anni è diventato un settore dipendente dal credito e l'assenza di finanziamento si trasferisce immediatamente nella riduzione delle compravendite.

Occorre infine evidenziare che l'eventuale adeguamento dei prezzi ai valori correnti determinerebbe una più rapida definizione velocizzando anche i tempi medi di vendita.

I valori immobiliari, le previsioni e l'andamento del mercato degli ultimi cinque anni dei 235 comuni liguri sono consultabili sul sito www.guidavalorecasa.it.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Gino Ragnetti

Spezia? Non è zona sismica. Però...

Domenica, 30 Giugno 2013 17:30 cronaca
di Gino Ragnetti LA SPEZIA – Ma Spezia, è zona sismica o no? Siamo in pericolo anche noi come gli amici dell'Emilia? È questa ormai la domanda che ricorre più… Leggi tutto
Gino Ragnetti
GENOVA. E' stato siglato questa mattina in commissione consiliare salute un accordo sulla proposta operativa, presentata dall'ARS, l'agenzia regionale della sanità, per la messa a regime dei nuovi presidi per… Leggi tutto
Gino Ragnetti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa