"Il turbogas alla Spezia è davvero necessario per il Piano Energetico Nazionale?"

La nota della Rete per la Rinascita dell'Area Enel.

Sabato, 27 Novembre 2021 14:40

"La centrale elettrica a carbone di Vallegrande sarà chiusa presto: l'Italia esce dal carbone perché è dannoso per l'ambiente e per la salute. Enel vorrebbe sostituirla con un impianto a turbogas finanziato dallo Stato", così scrive la Rete per la Rinascita dell'Area Enel.

"Le città di La Spezia e Arcola si oppongono al turbogas perché si tratta di una scelta ancora dannosa per l'ambiente e la salute e gravemente peggiorativa per l'occupazione: la nuova centrale turbogas occuperebbe solo pochissimi lavoratori".

"La RETE per la Rinascita dell'Area ENEL pone due domande: il turbogas a La Spezia è davvero necessario per il Piano Energetico Nazionale? È possibile soddisfare le esigenze energetiche nazionali in modo compatibile con le necessità del nostro territorio?".

"Da mesi si susseguono notizie contraddittorie e una risposta chiara a queste domande non arriva né dal Ministero, né da Enel, né da Terna. Il Consiglio Regionale della Liguria ha deciso di opporsi al turbogas: la Regione ha diritto di partecipare alla decisione su quali fonti fondare la transizione energetica, chiede al Ministero dell'Ambiente di accelerare i progetti sulle energie rinnovabili e chiede di avviare un confronto Stato, Regione, Enti Locali, parti sociali e Enel sul futuro della centrale termoelettrica di La Spezia. Sono queste le parole esatte espresse dal Consiglio Regionale della Liguria nell'Ordine del Giorno, votato all'unanimità il 25 Ottobre, dovuto alla spinta unanime del nostro territorio".

"A questo punto, la Rete continua la sua azione e chiede alle forze politiche di dare seguito alle dichiarazioni con i fatti: la Regione deve completare il cammino e motivare la sua decisione altrimenti questa resterà senza effetto, chiede alle forze produttive di accelerare il confronto e la ricerca di soluzioni alternative, compatibili con l'ambiente, rispettose della salute della popolazione e adeguate a un rilancio economico del nostro territorio e chiede infine ai cittadini di attivarsi per comprendere sempre meglio il tema dell'energia e delle sue implicazioni locali e generali".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Chiedo all’Asl di chiarire rapidamente cosa stia bollendo in pentola e farebbe piacere sapere anche cosa ne pensi il nostro Sindaco" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
La riflessione della Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa