Se n'è andato Don Renzo, Ponzanelli: "Un riferimento straordinario per la nostra comunità"

Don Renzo, dal novembre 2008, era anche Canonico del Capitolo della Concattedrale di Sarzana.

Martedì, 12 Ottobre 2021 19:21

È deceduto questa mattina, presso la RSA Felicia, alla Spezia, il sac. Renzo Cortese. Nato a Bevilacqua (VR), si trasferì da ragazzo alla Spezia, andando ad abitare nel quartiere extraurbano del Limone. Dopo gli studi teologici nel Seminario di Sarzana fu ordinato sacerdote proprio nella Chiesa parrocchiale di Limone il 3 luglio 1955.

Da quell’anno e fino al 1957 fu Curato di Pegazzano, alla Spezia, e poi della Parrocchia di Cristo Re, non ancora Cattedrale, dal 1957 al 1960. In quell’anno divenne Parroco di Madrignano, per cinque anni, per poi assumere l’incarico di Assistente dei giovani cattolici per dieci anni, dal 1965 al 1975. In quegli stessi anni fu anche Canonico dell’allora Cattedrale di Brugnato.

Nel 1975 fu nominato Parroco delle Grazie, nel Golfo della Spezia, ove rimase fino al 1991. In quegli anni fu anche segretario dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali, dal 1980 al 1983, e Direttore diocesano della Caritas, dal 1986 al 1989. Dal 1991 al 1993 fu Direttore dell’Ufficio Pastorale.

Per un anno, dal 1991 al 1992, fu Amministratore parrocchiale di Sasseta, Torpiana, Suvero e Veppo, e dal 1992 al 1993 anche Cappellano dell’Ospedale spezzino Sant’Andrea. Il 1° luglio 1993 venne nominato Parroco della Parrocchia di San Francesco, alla Spezia, subentrando ai frati francescani che in quell’anno lasciarono la guida della Parrocchia, allora avente sede presso il Convento di Gaggiola.

Quattro anni dopo, il 1° ottobre 1997, venne nominato Parroco di San Francesco a Sarzana, ove è rimasto per ben vent’anni, fino alla rinuncia nel gennaio 2017. Don Renzo, dal novembre 2008, era anche Canonico del Capitolo della Concattedrale di Sarzana.

"Don Renzo è stato un riferimento straordinario per la nostra comunità. Ha saputo unire, aggregare, costruire, essere dalla parte degli ultimi sempre, aprire le porte della sua Chiesa a tutti", così il sindaco di Sarzana Cristina Ponzanelli.

"Ha esercitato il suo sacerdozio con un'umanità e un'apertura rare, ha educato ai principi cattolici intere generazioni, tramandando valori essenziali, di solidarietà, pace, rispetto, impegno e accoglienza".

"Le sue celebrazioni gremite ne sono state palese testimonianza e i suoi insegnamenti hanno contribuito alla costruzione di una comunità più giusta e coesa. Di figure come la sua sentiremo forte la mancanza. Il ricordo dei suoi insegnamenti, del suo impegno, delle sue omelie sempre toccanti e autentiche, non ci abbandonerà mai e sarà sprone costante nel nostro quotidiano agire".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Luca Vaccaro - Un incontro tra le istituzioni, i cittadini e i ragazzi delle scuole per parlare del futuro ecosostenibile della nostra città. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Covid: in ASL 5 un altro decesso

Venerdì, 26 Novembre 2021 19:54 cronaca
I nuovi casi registrati oggi in Liguria sono 460. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa