Stampa questa pagina

Minacce con mannaia e manganello per un chilogrammo di hascisc sparito In evidenza

L'intervento dei Carabinieri: due arresti e due denunce.

Martedì, 04 Maggio 2021 16:33

Pomeriggio movimentato quello di ieri in una frazione collinare della Spezia: verso le due e mezzo i Carabinieri hanno ricevuto alcune telefonate al 112 che segnalavano una rissa in strada tra giovani stranieri, alcuni dei quali armati di ascia e manganello. Immediato l’intervento delle gazzelle dell’Arma, che hanno subito fermato e accompagnato in caserma i quattro protagonisti.

Più complicato è stato poi, invece, riuscire a ricostruire precisamente cosa fosse successo e le ragioni del fatto. Dopo un intero pomeriggio trascorso ad ascoltare testimoni, raccogliere prove ed effettuare perquisizioni e nonostante le verità di comodo inizialmente raccontate dai protagonisti, i Carabinieri sono però riusciti a venire a capo della vicenda.

Alla fine si è capito che i due giovani di origine maghrebina, entrambi minorenni e cittadini italiani, si erano recati sotto casa di due giovani italiani, uno dei quali a sua volta minorenne, per reclamare contro uno “sgarro” e pretendere la restituzione di un ingente quantitativo di hascisc: oggetto del contendere un chilogrammo di hascisc sparito nei giorni scorsi da un nascondiglio nella boscaglia in riva al fiume a Santo Stefano Magra.

I due giovani di origini marocchine, infatti, avrebbero creato lì il proprio nascondiglio per lo stupefacente, incaricando uno dei due giovani italiani di sorvegliarlo. Forse per una discussione o forse per la prospettiva di facili guadagni, circa un chilogrammo di hascisc era progressivamente sparito nei giorni scorsi. Accortisi dell’ammanco, i due “proprietari” sono così andati a cercare di ottenere soddisfazione, scatenando il parapiglia che ha poi causato l’intervento dei militari.

Capito di cosa si trattava, i Carabinieri hanno quindi effettuato una serie di perquisizioni ed hanno trovato circa 250 grammi di hascisc a casa dei due giovani aggrediti di uno, oltre a un bilancino di precisione, e quasi 300 grammi a casa dell’altro. I due sono quindi stati dichiarati in arresto: mentre il maggiorenne è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di comparire stamattina davanti al Giudice in Tribunale alla Spezia, il minore è stato portato al Centro di Prima Accoglienza di Genova, in attesa dei provvedimenti del Tribunale per i minori.

I due aggressori, dal canto loro, sono stati denunciati per minaccia aggravata e porto di armi. Ulteriori accertamenti sono poi in corso per fare luce sulla detenzione di stupefacenti da parte loro.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

A Brugnato in Piazza Ildebrando venerdì 6 agosto. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
I Carabinieri del reparto Parco nazionale “Cinque Terre” intensificano la sorveglianza. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa