Il Direttore generale dell'ASL 5 Spezzino ai microfoni di RLV La Radio A Colori

di Cecilia Castellini- Cavagnaro questa mattina ha risposto ad alcune domande degli ascoltatori

Sabato, 30 Gennaio 2021 17:46

Il Dott. Paolo Cavagnaro è da circa un mese Direttore Generale dell’ASL 5 Spezzino del sistema sanitario della regione Liguria. È già stato commissario straordinario dell’ASL 2 e prima ancora il direttore sanitario della ASL 3 Genovese. La sua carriera iniziata nel 1989 lo ha condotto in breve tempo a ruoli direttivi, rendendolo oggi un veterano della sanità ligure dove è riconosciuto anche come dirigente che predilige il lavoro di squadra.

Questa mattina è intervenuto su RLV La Radio A Colori per rispondere ad alcune domande degli ascoltatori inerenti al periodo che stiamo vivendo e in particolare al tema delle vaccinazioni.

Si vedranno anche dai noi i padiglioni con le primule disegnate dall’architetto Boeri?

“Le primule spunteranno anche dalle nostre parti, probabilmente non con i padiglioni che si sono visti nelle grandi città come Milano ma su poster. Noi abbiamo già fatto delle spillette per i nostri dipendenti vaccinati per sensibilizzare alla vaccinazione.

L’importante, in questo momento, è che arrivino i vaccini. Noi, devo dire, siamo riusciti a riprendere il flusso di vaccinazione per concludere la cosiddetta fase ristretta al personale sanitario.
Dal 27 dicembre abbiamo fatto 5577 vaccinazioni, ne abbiamo fatte altre 462 oggi e somministrato la seconda dose ad un totale di 1477 individui.
È importante spiegare ai cittadini il concetto di seconda dose. Noi al momento abbiamo i vaccini

Pfizer per cui è necessaria la seconda dose oltre che una difficile catena del freddo per conservarli. Per questo è importante non sprecare dosi, cosa che noi non abbiamo fatto”

Si sente parlare molto spesso, da mesi ormai, di rafforzare il personale sanitario, si sta facendo qualcosa a tal proposito?

“Ci è stato comunicato l’arrivo di 7 medici e 3 infermieri della protezione civile. Questi medici sono stati reclutati con un bando pubblico della protezione civile, sono fondamentalmente persone del territorio che non stanno lavorando o che sono andate in pensione.
Abbiamo iniziato anche un potenziamento del personale a tempo determinato e abbiamo cominciato a fare delle delibere di assunzione con un bando di 60 infermieri.
Per adesso onestamente siamo ancora al di sotto del personale presente nel 2019”

Il Direttore ha anticipato la strategia vaccinale sul territorio impostata ieri in una riunione coi sindaci. Presto si saprà quale sarà il primo piccolo comune extra Spezia dove si effettueranno le vaccinazioni agli over 80. Dopo il personale sanitario è infatti il turno degli ultraottantenni, inizialmente coloro che sono autosufficienti.

In chiusura ha voluto fare una raccomandazione spiegando che il diventare zona gialla da lunedì non significa niente. È necessario continuare a mantenere la distanza, utilizzare la mascherina, igienizzarsi e lavarsi spesso le mani e questa cosa vale anche per i vaccinati.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I due sono stati fermati mentre uno dei due spacciava cocaina a due giovani del luogo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa