Computer portatile rubato, ritrovato alla Spezia: era nell'appartamento di un calciatore di serie A In evidenza

Era in possesso di uno degli ospiti del giocatore, estraneo ai fatti. I Carabinieri ora faranno accertamenti sul rispetto delle norme anti-Covid.

Mercoledì, 06 Gennaio 2021 16:30


Il singolare episodio ha inizio il 2 gennaio quando un uomo denuncia presso un Comando Stazione Carabinieri in provincia di Varese il patito furto del proprio computer portatile.
L’evento si sarebbe consumato sul volo Parigi-Milano Malpensa a fine dicembre 2020. Il denunciante, sceso dall’aereo, si accorge di non aver più il suo portatile e realizza così di esser stato vittima di un furto, consumato nella cabina del velivolo e, con ogni probabilità, commesso da uno dei restanti viaggiatori.
Non gli resta che sporgere denuncia.

 

Fornisce ai militari un particolare importante: il portatile è dotato di programma con localizzatore gps in grado di indicare con buona precisione il luogo ove il dispositivo si trovi se lasciato acceso. Immediati accertamenti consentivano alla vittima e quindi ai Carabinieri della provincia di Varese di localizzarlo alla Spezia, nella zona collinare limitrofa al noto castello San Giorgio.

I Carabinieri dalla Lombardia richiedevano la collaborazione dei colleghi della Stazione Carabinieri della Spezia Mazzetta i quali, in poco più di quarantotto ore, dopo aver ottenuto la lista passeggeri del volo indicato dal denunciante e dopo aver effettuato uno screening di tutti i gli appartamenti di quella zona, individuavano il condominio da dove era partito il segnale.

Sono stati gli schiamazzi provenienti dall’interno di un appartamento che hanno solleticato la curiosità dei militari. Suonato il citofono ed aperta la porta, i militari hanno notato un gruppo di persone: gli occupanti, tutti visibilmente stranieri, si trovano all’interno di un’abitazione in uso ad un noto calciatore professionista di una squadra di calcio di serie A il quale si era offerto di ospitarli, nonostante non fossero suoi conviventi.

L’identificazione di tutti gli ospiti e la comparazione con i nominativi presenti sulla lista delle persone imbarcate sul volo proveniente da Parigi hanno permesso ai militari di avviare, d’intesa con la locale Autorità Giudiziaria, un’immediata attività che consentiva di recuperare il computer portatile.

Proprio uno degli ospiti, alla richiesta dei militari, consegnava spontaneamente il dispositivo elettronico. Il giovane, ventiseienne, M.K., domiciliato in Francia, originario del Congo dovrà rispondere del reato di ricettazione, mentre il portatile verrà restituito al legittimo proprietario.

Nei confronti del noto giocatore, del tutto estraneo ai fatti, e dei suoi ospiti, sono stati avviati, nel contempo, i dovuti accertamenti finalizzati alla verifica del rispetto delle normative anti-covid che incombono sui viaggiatori provenienti da paesi esteri e che giungono nel nostro Paese.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La conferma arriva dalla conferenza stampa di Mario Draghi. La roadmap delle riaperture partirà dal 26 aprile. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Nello spezzino calano gli ospedalizzati e le terapie intensive. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa