La Spezia crocevia della droga proveniente dalla Colombia, confermati i sequestri di beni In evidenza

Legami con la 'ndrangheta.

Giovedì, 15 Ottobre 2020 16:29

Il 23 settembre 2020 la Corte D’Appello di Genova - 3^ Sezione Penale Misure di Prevenzione, su ricorso di Abossida Bombina e degli eredi di Abossida Santo, ha confermato sostanzialmente in forma integrale il provvedimento di confisca emesso in data 27.02.2019 dal Tribunale della Spezia, concernente il sequestro - in Italia ed all’estero - di beni mobili ed immobili, società, rapporti bancari e finanziari per un valore di oltre 10 milioni di euro, disponendo la restituzione di una solo esigua parte del capitale in sequestro, parti a 391.100,00 euro.

 

La misura di prevenzione del Tribunale della Spezia è scaturita da una specifica indagine patrimoniale, condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri della Spezia, a margine di una imponente attività di contrasto alle attività di un sodalizio transazionale, dedito al traffico di sostanze stupefacenti sull’asse Colombia - Italia, con importanti ramificazioni ed una delle basi operative proprio in provincia della Spezia (indagine denominata “MONEY MONSTER”).

Le indagini, che si sono protratte per oltre tre anni, coordinate dalla Procura della Repubblica della Spezia e dalla D.D.A. di Genova, presero avvio dalle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Antonio Femia, originario di Gioiosa Ionica (RC), che disvelò intricatissimi scenari che vedevano legati importanti esponenti della ‘ndrangheta calabrese (in particolare della Locride) a trafficanti internazionali colombiani.

Nel corso dell’attività investigativa emerse che nel 2012 al Femia fu richiesta collaborazione, da parte di tali “Juancho” e “Julio Murillo”, esponenti del Cartello di Medellin con i quali in precedenza aveva organizzano diverse importazioni di ingenti quantitativi di cocaina in Italia, al fine di procedere al recupero ed alla successiva vendita di una partita di cocaina giacente alla Spezia.

Si trattava della parte invenduta di una originaria fornitura di oltre 800 Kg di cocaina purissima, che i due colombiani avevano ceduto ad Abossida Santo, il quale l’aveva introdotta in Italia facendola trasportare con un veliero condotto da uno skipper appartenente alla organizzazione.

La sera del 14 agosto 2012, però, Abossida Santo fu barbaramente ucciso in un agguato di tipo mafioso a Torretta di Crucoli (KR), cosicché la partita di droga rimase stoccata alla Spezia, nella disponibilità della sorella Bombina.

Fu proprio a seguito di tale evento che i fornitori colombiani, necessitando di rintracciare il quantitativo di cocaina ancora invenduto, nonché le loro spettanze in ordine alla droga già piazzata sul mercato dall’Abossida Santo, si rivolsero al Femia.

Questi, riuscito a rintracciare Abossida Bombina, sorella del defunto Santo, organizzò un incontro, al quale partecipò anche il colombiano “Guancio”, nel corso del quale fu raggiunto l’accordo che la Abossida avrebbe provveduto alla restituzione della cocaina ancora invenduta (oltre 400 Kg, giacenti in un garage alla Spezia) ed alla corresponsione di parte dei proventi derivanti dalla vendita di circa 350 Kg. dello stesso stupefacente, circa 1.200.000 euro (un anticipo, già versato dagli acquirenti alla Abossida, su un totale pattuito di circa 14 milioni di euro).

La cocaina recuperata fu quindi trasportata in una zona montana del Piemonte ed interrata all’interno di bidoni. Successivamente il Femia, attraverso una collaudata rete distributiva, riuscì a piazzare lo stupefacente (alcuni degli acquirenti sono stati individuati nel corso della indagine “Hunter”, coordinata dalla D.D.A. di Torino e già condannati - per quei fatti - con sentenza definitiva), realizzando profitti milionari, in parte trasferiti ai fornitori colombiani.

Recentemente, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia e Terrorismo di Genova, i Carabinieri del Nucleo Investigativo della Spezia, a conclusione dell’iter investigativo, hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini ad 11 soggetti (tra cui Abossida Bombina, uno dei trafficanti colombiani identificato ed altri di origine calabrese) rispetto alla imputazione di traffico internazionale di stupefacenti con l’aggravante mafiosa prevista dall’art. 416 bis 1 del codice penale. La Abossida e Forti Flavio, operatore bancario lericino ora residente a Lugano, devono rispondere anche dei reati di autoriciclaggio (l’uomo) e riciclaggio (la Abossida) delle ingenti somme provento dei traffici di droga.

Complessivamente i Carabinieri della Spezia sono riusciti ad individuare ed assicurare alla Giustizia (che li ha confiscati), come detto, beni per oltre 10 milioni di euro. Si tratta di immobili, beni mobili registrati, attività imprenditoriali, quote azionarie, attività finanziarie, liquidità ed opere d’arte, nella disponibilità di Abossida Bombina, degli eredi del defunto fratello Santo, nonché intestati a Forti Flavio, rintracciate, oltre che in Italia, anche in Svizzera, nelle isole Baleari, a Capo Verde ed a Sao Tomè e Principe.

Il buon esito delle indagini patrimoniali all’estero è stato determinato, a fronte di specifiche rogatorie internazionali, dal coordinamento tra l’A.G. italiana e quelle estere, nonché dalla proficua collaborazione tra i Carabinieri della Spezia e le polizie dei Paesi interessati.

Non si escludono ulteriori sviluppi.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il medico, che lavorava per l'Asl, avrebbe svolto anche la libera professione senza versare il contributo all'azienda sanitaria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri invia la richiesta a Regione e Asl 5. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa