Marittimi egiziani a scuola di Fremm al polo Marconi In evidenza

Potrebbero esserci in futuro ulteriori cicli di formazione.

Giovedì, 15 Ottobre 2020 16:30

 

Alla Spezia da martedì sera ci sono oltre 100 marittimi egiziani, futuri equipaggi delle due fregate vendute dall’Italia allo stato arabo presieduto da Abdel Fatah Al Sisi, deciso a confermare il ruolo di potenza regionale in Medio Oriente e diventato cliente fidelity delle armiere di Italia, Germania e Francia, dalla quale ha comprato nel 2015 la prima nave militare del programma Fremm (fregate militari multi missioni).

La Fincantieri ha predisposto per il futuro personale di bordo una sistemazione di eccellenza per la notte prenotando all' NH hotel, mentre per i corsi di formazione che dureranno qualche mese il Comune della Spezia sta predisponendo per Fincantieri il complesso didattico del polo Marconi, sede fino a un mese fa dell’università prima del suo trasferimento al Falcomatà nell’ex Ospedale Militare.

Sui colli i docenti e gli allievi con le stellette troveranno ad attenderli sette aule spaziose, dove potranno essere garantiti i distanziamenti anti-covid, oltre ad una biblioteca, un edificio adibito ad uffici, un punto bar ristoro che fornirà i pasti, con attrezzature in ottime condizioni.

E’ probabile che dopo il primo ciclo di formazione altri marittimi egiziani raggiungeranno la sede spezzina, anche perché ogni nave prevede circa 100 uomini di equipaggio, oltre 50 addetti ai radar e a servizi vari.

La cessione delle due fregate all’Egitto – a fronte di un dichiarato raffreddamento diplomatico tra i due paesi in seguito agli ostacoli alle indagini per chiarire i lati oscuri della fine di Giulio Regeni – ha provocato qualche timida reazione a livello politico, e poche o nulle proteste a livello di opinione pubblica.

La questione ricorda in qualche modo la vetusta querelle delle fregate vendute dall’Italia all’Iraq alla vigilia della guerra del Golfo, che rimasero poi per anni e anni sequestrate in Arsenale a causa dell’embargo contro il regime di Saddam Hussein, con la speranza che questa vicenda abbia un esito diverso, e che magari nel frattempo l’Egitto recuperi una posizione di rispetto dei diritti umani e civili, abbandonando o quantomeno attenuando le velleità di potenza militare in un’area da sempre polveriera.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Gabriele Cocchi – Sono una donna e uno studente universitario che avrebbero opposto resistenza all’invito degli agenti di mantenere le distanze. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il medico, che lavorava per l'Asl, avrebbe svolto anche la libera professione senza versare il contributo all'azienda sanitaria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa