Ottomila piccioni... impiccioni: giro di vite del Comune In evidenza

L'amministrazione comunale della Spezia è impegnata nel trovare soluzioni  al contenimento del numero dei piccioni in città.

Domenica, 08 Aprile 2012 19:59
Un aumento indiscriminato  di volatili in ambiente urbano, infatti,  crea disagi  sia all'uomo che al volatile stesso e è  causa di molestie e, in taluni casi, di possibili ricadute igienico sanitarie. Per questi motivi, già da tempo, il Comune ha avviato una serie di  azioni quali il censimento dei volatili e  della loro nidificazione che è stato ripetuto recentemente  dal quale si è potuto stimare  un numero di circa ottomila capi presenti sul territorio cittadino. La zona nord della città risulta essere la più  popolata. L'elevata concentrazione in questa fascia cittadina  è anche da ascriversi a comportamenti da parte di cittadini che,  nonostante i divieti e le continue azioni repressive della Polizia Municipale, continuano a dare da mangiare ai piccioni.  A tale fine l'amministrazione ritiene  che solo un'azione coordinate tra cittadini, associazioni di tutela animale, Asl (sanità animali e igiene pubblica), Istituto zooprofilattico e Polizia municipale, possa raggiungere risultati positivi di contenimento della presenza di questi volatili. A tale scopo è stato conferito un incarico alla L.I.P.U. sulla base di una proposta da questa presentata comprendente le seguenti azioni: a) attività informative educative (incontro con la cittadinanza , scuole, ecc); b) aggiornamento del censimento sia dei nidi che delle presenze; c) collaborazione per l'individuazione delle strategie linee guida basate su diminuzione delle risorse  (riduzione del cibo);d) provvedimenti amministrativi (ordinanze; intervento sul regolamento edilizio). Data la situazione di particolare criticità igienico sanitaria venutasi a creare nella zona nord si è ritenuto necessario un intervento specifico congiuntamente ad Asl (sanità animali e igiene pubblica), Istituto Zooprofilattico, Polizia Municipale e L.I.P.U. finalizzato a consentire un primo alleggerimento dell'area dalla abnorme presenza di volatili. Per questo  è stata incaricata una società specializzata per la cattura selettiva dei volatili, sia per scopi di accertamenti sanitari, da svolgersi tramite l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale che  di tutela della salute pubblica. La società inoltre si occuperà, in via sperimentale,  del trasporto dei volatili  in centri dove  possano vivere o essere ceduti vivi gratuitamente.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Gino Ragnetti

Spezia? Non è zona sismica. Però...

Domenica, 30 Giugno 2013 17:30 cronaca
di Gino Ragnetti LA SPEZIA – Ma Spezia, è zona sismica o no? Siamo in pericolo anche noi come gli amici dell'Emilia? È questa ormai la domanda che ricorre più… Leggi tutto
Gino Ragnetti
GENOVA. E' stato siglato questa mattina in commissione consiliare salute un accordo sulla proposta operativa, presentata dall'ARS, l'agenzia regionale della sanità, per la messa a regime dei nuovi presidi per… Leggi tutto
Gino Ragnetti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa