Discoteche, la lettera di una ragazza ai coetanei: "Pensate al diritto alla salute e allo studio" In evidenza

Riceviamo e pubblichiamo la riflessione di una nostra giovane lettrice.

Venerdì, 14 Agosto 2020 18:26

"Spettabile Redazione, guardo questi video (riprese di notti in discoteca in Versilia, ndr) e nella mia testa parte la stessa sequenza di pensieri: così scrivo e poi cancello.

Poi, però, penso a quanto sia importante esprimere con la propria voce ciò che i pensieri hanno da dire, da conoscere, all'interno di un sistema, di una società; e questo non necessariamente per cercare di imporre la propria idea su quella di un altro individuo. Credo, infatti, che sia necessario ascoltare ed essere ascoltati.

E quindi mi rivolgo a tutti i giovani e non, continuando a chiedermi perché alimentino la dinamica di un paese che volta le spalle alla ricerca, alla possibilità di conoscere, al diritto allo studio, alla tutela della salute altrui e della propria. Ho 21 anni, non sono un'assidua frequentatrice di locali, questo è vero; però posso assicurarvi di vivere la mia gioventù a cuor leggero, sentendomi libera ed effettuando scelte razionali, pensate. Insomma, sono proprio come voi.

E quindi continuo ad appellarmi agli uomini, alle donne di oggi e di domani e mi chiedo: in una situazione di emergenza sanitaria e scolastica è davvero questo ciò che vi fa sentire appagati, giovani e liberi? Davvero pensate che tutto questo non vi riguardi nemmeno lontanamente?

E quindi smetto di domandarmi, di domandarvi e vi dico: i medici, gli insegnanti, gli ingegneri, i chimici, i biologi, le infermiere, gli architetti, gli artisti, le maestre, gli educatori, le archeologhe di domani hanno bisogno di poter tornare sui libri, in aula, in sala, in laboratorio; e ne avvertono la necessità, e forse tutti con loro, oggi.

Non precludete la possibilità alle vostre sorelle, ai vostri fratelli, cugine, nipoti e figli di divenire le figure di cui il paese avrà bisogno domani per crescere. Perché loro, che in realtà siamo noi ne abbiamo bisogno oggi. Adesso. Non vogliamo essere subito già così sicuri. Non vogliamo essere subito già così senza sogni.

Mi affido a voi, ai mezzi in grado di poter informare, di far ascoltare ciò che i pensieri hanno da dire. Offriteci la possibilità di far sentire la nostra voce. Con le migliori aspettative porgo i miei più sinceri saluti".

Una vostra cara e giovane lettrice,
Sophia Di Paolo

(foto di repertorio)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

In Asl 5 27 nuovi casi, due decessi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Controlli interforze coordinati dalla Questura. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa