Cucciolo di gabbiano rischia di morire, salvato da un volontario In evidenza

Una gita in barca a Porto Venere si trasforma in una corsa contro il tempo per un soccorritore della Pubblica Assistenza di Vezzano.

Sabato, 25 Luglio 2020 11:41

Doveva essere una tranquilla gita in barca con la famiglia, invece si è trasformata in una corsa contro il tempo per tentare di salvare un cucciolo di gabbiano in grande difficoltà.

Alessandro, un volontario soccorritore di lungo corso della Pubblica Assistenza di Vezzano, giovedì scorso era in barca nel canale di Porto Venere, quando nota, tra i vivai dei muscoli poco distanti, un piccolo gabbiano che annaspa, non riuscendo a tenere la testa fuori dall’acqua.

“Qualcosa non va, ma neanche il tempo di pensarlo e il cucciolo si trovava già tra le braccia di Alessandro, che a nuoto lo ha raggiunto”, racconta la Pubblica Assistenza su Facebook.

Così, con l’aiuto di un muscolaio, il cucciolo di gabbiano viene portato a bordo, e qui Alessandro scopre che ha un amo da pesca incastrato nel becco e un pezzo di lenza collegato a un secondo amo che ha trafitto una zampa.

115822917 661132907823305 9080829028265882246 n

Il piccolo necessita di cure urgenti, per cui parte subito la richiesta di soccorso al 1530, che trasferisce la chiamata alla Lipu. Il volontario Alessandro porta così il gabbiano alla banchina del Fezzano, dove ad attenderlo c’è già una volontaria.

Tutto è bene quel che finisce bene: “Dopo le cure del veterinario che ha liberato il becco e la zampa del piccolo, il gabbiano è stato messo al sicuro per un periodo di osservazione. Presto potrà tornare a volare e crescere nella sua casa di mare”, raccontano dalla Pubblica Assistenza.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La lettera di ringraziamento di Giovanna, Federica e Alessia ai dottori che hanno curato la loro nonna Diletta Galli. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Barbagallo: "Massima attenzione alla tutela delle persone fragili". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa