"Spezia diventa la pattumiera di Genova, anche AMIU lo conferma" In evidenza

Comitati e associazioni: "Genova crede nel biodigestore, ma non lo costruisce e punta tutto sugli impianti spezzini. E i nostri politici?".

Giovedì, 21 Maggio 2020 16:00

"Genova rinuncia a costruire un biodigestore. Lo hanno dichiarato i massimi vertici dell’Amiu (azienda genovese per la gestione del ciclo dei rifiuti) nel corso di un dibattito organizzato da Legambiente Liguria.

Il presidente Pietro Pongiglione e la direttrice di AMIU Tiziana Merlino hanno motivato la decisione con due argomenti. Il primo: il contratto di servizio che lega la Città metropolitana e il Tigullio ad Amiu scade il prossimo 31 dicembre. Non hanno certezza che venga rinnovato. Quindi non programmano investimenti in nuovi impianti. L’ultimo progettato è un impianto TMB per trattare l’indifferenziata, che vedrà la luce (forse) nel 2023.

Secondo motivo: la raccolta differenziata a Genova non decolla. È ancora al 34 per cento. La Forsu (cioè l’umido) è insufficiente per un biodigestore. La direttrice Tiziana Merlino è stata esplicita. Ha detto che la Liguria è piccola e che sul biodigestore si deve avere un approccio regionale, per non trovarsi con impianti sotto utilizzati e quindi inefficienti. AMIU fa affidamento sul fatto che il digestore lo fanno nel Levante ligure. Cioè alla Spezia, quello progettato da Recos a Saliceti per 90 mila tonnellate, il triplo del fabbisogno spezzino.

Se qualche politico o sindacalista spezzino nutriva dubbi che la nostra provincia fosse destinata a diventare sempre di più la pattumiera di Genova, è servito. I predicozzi che ci hanno somministrato fino a oggi il presidente Toti e l’assessore Giampedrone sulla necessità di chiudere il ciclo dei rifiuti, li indirizzino a Genova e al Tigullio, loro che non hanno fatto nulla per sollecitare la raccolta differenziata nel genovese. Non impartiscano lezioncine a una provincia che ha già a Saliceti un impianto di trattamento di “secco non riciclabile”, autorizzato per 105 mila tonnellate l’anno, quando alla Spezia ne produciamo meno di 33 mila. Tutta la restante capacità dell’impianto TMB di Saliceti è al servizio di Genova, che ogni anno produce 250.000 tonnellate di indifferenziato.

Ai politici spezzini di Lega, Liguria Popolare, Cinque Stelle, Italia Viva, PD, LEU, E’ Viva, Sinistra Italiana e Rifondazione, che negli incontri avuti con noi condividevano le critiche al progetto di digestore a Saliceti, di passare dalle parole ai fatti.

Chiediamo loro di assumere, dove sono al governo, nei Comuni, in Provincia, in Regione iniziative per rivedere il Piano dei rifiuti, almeno per la FORSU, con l’obiettivo di riconsiderare il sito, a forte rischio idrogeologico e sismico, le quantità di organico da trattare e le migliori tecnologie da adottare in base alle esigenze della nostra provincia".

Comitato No Biodigestore, Sarzana, che botta!, Acqua Bene Comune, Italia Nostra, Legambiente Cittadinanzattiva

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Gabriele Cocchi - Momenti di tensione in via Genova: la Polizia alla ricerca del ladro. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Scendono a 15 i ricoverati per Covid-19

Domenica, 31 Maggio 2020 18:28 cronaca
Nessun decesso di pazienti positivi nelle ultime 24 ore in provincia. Ma in Liguria ci sono 8 ospedalizzati in più di ieri. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa