Arrestato in Romania l'operaio che ha ucciso l'anziano di Ponzano Magra In evidenza

Lo aveva colpito violentemente alla testa mentre l'anziano cercava di difendere la sua badante, convivente dell'omicida. Latitante da più di un mese, è stato fermato ieri.

Giovedì, 26 Marzo 2020 16:43

È stato assicurato alla giustizia P. Stefan, operaio 46enne di origini rumene, che a febbraio scorso a Ponzano Magra ha provocato la morte di Romano Mantegazza, l’anziano signore che, nel tentativo generoso di difendere la propria badante dall’aggressione dell’uomo, è stato colpito con un fortissimo schiaffo che lo ha fatto cadere a terra battendo la testa sul pavimento tanto violentemente da procurargli un edema celebrale che ne ha causato prima il coma e poi il decesso.

I fatti risalgono al pomeriggio del 13 febbraio scorso quando P. Stefan, in preda all’alcol, è entrato nell’abitazione dell’anziano signore dove lavorava come badante una donna rumena, convivente dell’operaio, che di frequente, per futili motivi, veniva dallo stesso percossa pesantemente e minacciata di morte insieme al signor Mantegazza.

L'anziano, classe 1928 ed ex dipendente della Ceramica Vaccari di Ponzano Magra, ha tentato invano di difendere la donna ma l’aggressore lo ha colpito con un fortissimo schiaffo, facendolo rovinare a terra e sbattere con violenza il capo contro il pavimento.

I figli di Mantegazza, venuti a conoscenza del fatto, hanno fatto ricoverare il genitore all’ospedale di Sarzana, dove l'anziano è apparso fin da subito in gravi condizioni tanto che i sanitari hanno definito la prognosi riservata per “ematoma cerebrale post traumatico”.

Il giorno seguente l’aggressore ha raccolto in fretta i propri effetti personali ed ed è fuggito portando la donna con sé.

Poche ore dopo Mantegazza è entrato in coma per poi spegnersi il successivo 29 febbraio., dopo quasi due settimane di agonia trascorse in ospedale senza riprendere conoscenza.

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sarzana, raccolte tutte le testimonianze e gli elementi di prova messi insieme dai militari intervenuti nell'immediatezza dell'evento, con una tempestiva denuncia all’autorità giudiziaria spezzina hanno richiesto l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’omicida.

La misura cautelare, concessa pochi giorni dopo dal gip della Spezia, è stata poi convertita in mandato di arresto europeo tramite il ministero della Giustizia, e trasmessa al collaterale organo di polizia rumeno che ne ha disposto l’esecuzione a carico del’aggressore.

Adesso l’uomo, arrestato ieri dalla polizia rumena dopo un mese e mezzo di latitanza, si trova recluso nelle carceri del suo paese di origine, in attesa della rogatoria internazionale. Dovrà rispondere alla giustizia italiana di omicidio preterintenzionale, atti persecutori e lesioni personali aggravate.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I verdi e le altre formazioni che dovrebbero lasciare la serie D sono pronte a battersi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Per migliorare la gestione e fruibilità rispetto al pre-Covid. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa