Coronavirus, come funziona adesso il Pronto soccorso di Sarzana In evidenza

Tutta la rimodulazione del Pronto soccorso, spiegata dal vicesindaco Costantino Eretta.

Giovedì, 12 Marzo 2020 18:45

In questi giorni l'azienda sanitaria ha attrezzato al di fuori del Pronto Soccorso di Sarzana una tenda per il pretriage e tutto il pronto soccorso ha avuto una rimodulazione, e verrà spiegata, passo passo, come funziona la nuova distribuzione e i nuovi percorsi interni, tutto questo grazie alla collaborazione di tutto il personale medico infermieristico e degli Operatori Socio Sanitari.

"Per prima cosa - spieg l'assessore alla Sanità Costantino Eretta - tutti i pazienti afferenti al Pronto Soccorso di Sarzana vengono intercettati da due infermieri predisposti al pretriage presso la tenda in Camera Calda. I pazienti febbrili e quelli con link (quindi un contatto) epidemiologico positivo vengono dirottati direttamente nella sezione denominata "sporco" da cui si accede esclusivamente dalla Porta Rossa; questo vale sia per i pazienti deambulanti che per i barellati".

Poi ancora: "Gli altri pazienti verranno dirottati nella sezione "pulito" (quindi l'ex sala gessi) dove saranno "triagiati", etichettati e visitati negli spazi completamente puliti. L'unica sala di attesa aperta e funzionante sarà quella dedicata ai pazienti non febbrili: tale sala è identificata nella zona verde (zona timbro)".

Eretta poi specifica un particolare importante: "Le due categorie di pazienti non verranno mai a contatto fra di loro". Prosegue la spiegazione e l'assessore entra nel dettaglio: "La radiologia presente in Pronto Soccorso sarà completamente ed esclusivamente dedicata ai pazienti "sporchi", invece quella dedicata ai pazienti non febbrili sarà al piano -1 - continua Eretta - Gli ascensori sono stati suddivisi in "puliti" e "sporchi", gli accessi sono consentiti solo ed esclusivamente al personale dedicato, consulenti ed ovviamente pazienti senza accompagnatori, i dipendenti e i pazienti deambulanti che si devono recare presso gli ambulatori o nei reparti entrano dall'ingresso principale".

E conclude: "Il personale (medico, tecnico, infermieri, ecc) che devono entrare nel Pronto Soccorso "sporco" avranno un accesso dedicato con locale vestizione e svestizione e gli infermieri che a fine turno abbandonano la zona "sporco" dall'uscita posteriore non venirranno mai a contatto con il "pulito"".

Il vicesindaco spiega tutto il funzionamento direttamente dal suo posto di lavoro al San Bartolomeo di Sarzana: la sua "quarantena" sta proseguendo, ma spiega che, con le dovute precauzioni, secondo l'art. 7 del Decreto Legge 09/03/2020 n. 14 "Disposizioni urgenti per il potenziamento del servizio sanitario nazionale in relazione all'emergenza COVID 19 ", la disposizione della quarantena non si applica agli operatori sanitari nell'attività lavorativa specifica del settore sanità.

I medesimi operatori sospendono l'attività lavorativa nel caso di sintomatologia respiratoria o esito positivo, infatti. Eretta ci tiene a specificare che sta bene e non ha nessun sintomo del nuovo covid-19.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I Carabinieri lo bloccano a Deiva Marina, con 20 grammi di droga. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Una signora ultraottantenne va a piedi sino in piazza Verdi per ritirare la pensione. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa