Trenitalia ricorre in appello per non rendere noti i dati economici In evidenza

Secondo i comitati si tratta di una scelta "sconcertante".

Lunedì, 10 Febbraio 2020 22:16


Trenitalia ha depositato presso il Consiglio di Stato l'appello contro la sentenza del TAR Liguria che impone di rendere disponibili gli allegati del Contratto di Servizio 2018-2032.
Sempre più palese e sconcertante l’intendimento di mantenere segreti i dati economici e gli investimenti relativi al trasporto pubblico ferroviario ligure, nonché i dati dei ricavi da biglietto per le Cinque Terre.

 

Ricordiamo che la sentenza del TAR Liguria afferma che: «La conoscenza dei documenti richiesti appare pertinente al controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e all’utilizzo delle risorse pubbliche nello strategico settore della politica dei trasporti pubblici».

E sempre il TAR spiega che la motivazione si fonda su principi essenziali dello Stato democratico: «Il carattere “politico” delle funzioni svolte da un determinato ente, ed il correlativo interesse pubblico (melius: collettivo) alla conoscibilità e controllabilità del buon esercizio di tali funzioni, legittima l’estesa accessibilità ai documenti, alle informazioni, ai dati e agli atti di cui l’ente dispone. In tal modo l’ordinamento [...] consente agli stessi di esercitare un controllo diffuso sulla correttezza dell’agere amministrativo, aumentando le chanches di partecipazione della collettività, anche sul versante elettorale, ai processi politico-decisionali che la riguardano».

Sconcertante da qualunque punto di vista la si guardi, quindi, la decisione di ricorrere al Consiglio di Stato da parte di Trenitalia. Inaccettabile che un’azienda pubblica a capitale interamente pubblico – la cui “mission” dovrebbe essere quella fornire servizio ai cittadini, e che continua a parlare di “focus” sui pendolari - combatta quegli stessi cittadini e pendolari suoi finanziatori (usando risorse economiche pubbliche) per mantenere segreti dati che dovrebbero essere pubblici, proprio al fine di una valutazione del suo operato. E questo anche dopo una sentenza del TAR.

Una decisione offensiva nei confronti dei cittadini-elettori-utenti nel legittimo controllo dell’utilizzo delle risorse pubbliche, nello “strategico settore della politica dei trasporti pubblici”.


Comitato Pendolari Levante Ligure, Comitato Difesa Trasporti Valle Stura ed Orba, Comitato Pendolari SV-GE, Associazione Pendolari Novesi, Comitato delle Cinque Terre,

WWF-Italia-Liguria.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Dopo il crollo del ponte di Albiano, il Comitato La Ripa lancia l'allarme con una lettera aperta. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
I dati della Regione: 2 pazienti in più anche in terapia intensiva. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa