Stampa questa pagina

Più servizi e una casa rifugio per le donne: finanziato il progetto del centro antiviolenza "Mai più sola" In evidenza

Verranno garantiti protezione, tutela legale, supporto e reinserimento sociale.

Domenica, 12 Gennaio 2020 16:26

Il centro antiviolenza "Mai più sola" con le sue quattro sedi di Sarzana, Ameglia, Castelnuovo e Arcola da oggi ha una marcia in più, anzi due.

Finalmente grazie alla sinergia tra la nostra associazione, la cooperativa Lindbergh, il distretto sociosanitario e i Comuni di Sarzana e Arcola e grazie alla Regione che ha riconosciuto la validità del progetto finanziandolo, la Val di Magra avrà una casa rifugio e saranno ampliati i servizi offerti dal centro antiviolenza "MaiPiùSola". Questo è uno di quegli strani bandi in cui a "vincere" non è chi presenta il progetto ma a chi è rivolto,

Infatti a vincerlo sono state le donne che vogliono uscire e fare uscire i loro bambini da violenze o che si ritrovano ad aver subito abusi o a vivere braccate da uno stalker. Noi e gli altri partner di progetto ne siamo solo il tramite e i garanti responsabili della sua attuazione.

Da adesso ad ogni ora del giorno, in ogni giorno dell'anno una donna sa che può chiedere aiuto e può trovare protezione anche attraverso le ormai consolidate collaborazioni con forze dell'ordine e Pronto Soccorso di Sarzana.

Verranno garantiti la protezione, la tutela legale, il supporto al superamento del trauma e ad affrontare il percorso intrapreso, un reinserimento sociale attraverso l'affiancamento a raggiungere autonomia o semiautonomia abitativa e lavorativa che porteranno effettivamente alla fuoriuscita dalla violenza attraverso l'indipendenza e l'autostima.

"Come presidente dell'associazione Vittoria - dichiara Nea Delucchi - ringrazio il Comune di Sarzana per aver creduto fin da subito nel progetto scegliendo di rispondere al bando, il Comune di Arcola che ha messo a disposizione una casa rifugio, il distretto 19 nella persona del suo direttore Davide Capellari per aver coordinato il tutto, e la cooperativa Lindbergh che ha messo a disposizione del progetto la propria pluriennale esperienza nel sociale. Si è creata così una sinergia di intenti e obiettivi che ha dato una risposta concreta a un bisogno ormai da tempo ben noto. Un particolare ringraziamento va alle volontarie dell'associazione Vittoria che da quasi 6 anni hanno svolto e svolgono sul territorio con professionalità e dedizione, tutto quel lavoro che ha fatto sì di poter arrivare a questo straordinario risultato. Per ultimo un grazie a tutte le persone che in questi anni ci hanno supportato e aiutato e che continueranno a farlo perchè la nostra presenza e le nostre attività sul territorio continueranno se è possibile più determinate di prima".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Gli agenti lo hanno fermato con la refurtiva addosso. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il sindaco e presidente della Provincia Pierluigi Peracchini in un post su Facebook questa mattina mostra il bypass di Montalbano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa