"A Sarzana studenti a messa in orario scolastico: è vietato dalla legge" In evidenza

L'Uaar critica la scelta del preside dell'istituto Parentucelli-Arzelà.

Giovedì, 19 Dicembre 2019 09:20

"Venerdì 20 dicembre le scuole superiori di Sarzana potranno/dovranno andare alla funzione religiosa cattolica nella cattedrale di Santa Maria. Lo ha stabilito il nuovo preside del complesso scolastico che ospita Liceo Classico, Scientifico, Musicale, gli istituti commerciale, turistico e agrario.

È la prima volta, dopo moltissimi anni, che viene riproposta una simile pratica. La cosa che lascia più perplessi è che la funzione religiosa è prevista in pieno orario scolastico, il che significa che per gli studenti che vi andranno non si effettuerà il normale svolgimento delle lezioni.

Naturalmente il preside ha anche stabilito che per gli studenti che decideranno di non andare in chiesa si svolgano le regolari lezioni e che gli insegnanti devono ritenersi a normale disposizione per lo svolgimento delle lezioni come da programma per gli studenti che non vogliono andare alla messa.

Già qui la prima maldestra discriminazione, visto che i sostenitori dell’insegnamento della religione cattolica pretendono che nell’ora alternativa, quindi per i non avvalentisi, non venga svolto il programma scolastico proprio per non svantaggiare gli studenti che nel frattempo sono impegnati nell’ora di religione.

Il preside, poi, in uno sforzo di conciliazione e di slancio “democratico” prevede anche che le “altre religioni”, se hanno ragazzi che le seguono nella scuola, possano richiedere un trattamento uguale a quella cattolica. Altro scivolone. Quali sarebbero le condizioni? Stessi orari e stesso giorno?

Anche in questa “concessione” si ravvisa una grave discriminazione. Si parla infatti solo di religioni, cattolica o religioni diverse, ma non si prende in alcuna considerazione che esiste anche un pensiero laico e che il numero degli atei e degli agnostici nella società italiana, in questi anni, è molto in crescita, tanto da aver superato, secondo i dati forniti dall’ISTAT, il numero dei cattolici praticanti e di costituire la seconda grande aggregazione, dopo i cattolici, nella società italiana, con la differenza, che, mentre i cattolici sono in calo, gli atei e gli agnostici sono in forte crescita.

Gli ultimi dati relativi alla provincia della Spezia ci dicono che il 65% della popolazione si dichiara cattolica (naturalmente ben diverso è il numero reale dei veri praticanti), mentre il 41% si dichiara atea o agnostica, le restanti religioni (protestanti, islamici, ortodossi, ebrei, induisti, buddisti, ecc.) assommano al 4% della popolazione.

Il preside dovrebbe prevedere anche uno spazio d’incontro con le associazioni degli atei e degli agnostici, finendola con questa eterna discriminazione.

Inoltre non crediamo legittima la pratica di consentire un culto in sostituzione delle normali ore di lezione, compiendo un’operazione di sottile condizionamento che induca gli studenti ad andare a messa, approfittando un po’ del clima natalizio, della voglia di uscire da scuola e del fatto di non rimanere isolati dai propri compagni.

La partecipazione a manifestazioni di culto deve essere sempre e solo una libera scelta volontaria degli individui e mai una costrizione, seppur non forzosa, da parte delle istituzioni scolastiche. Se si voleva che gli studenti andassero in chiesa, cosa che evidentemente fanno assai poco, era molto più democratico e onesto che la loro fosse una scelta genuina e sentita, fatta naturalmente al di fuori dell’orario delle lezioni visto che, tra l’altro, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche è materia facoltativa.

La giurisprudenza, concludendo, vieta l’effettuazione di messe, di preghiere e di benedizioni in orario scolastico. Eppure, non esiste forse in Italia un’abitudine più dura da modificare che quella di contrassegnare l’attività educativa con qualche rito religioso. È quindi necessario ribadire che queste attività non sono consentite".

Unione degli atei e degli agnostici razionalisti La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Incidente in Via Carducci

Lunedì, 28 Settembre 2020 22:04 cronaca-la-spezia
Sul finale della IV commissione si è acceso il dibattito, Pecunia: “Vogliamo sapere perché è stato chiuso un quartiere della nostra città”. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa