Stampa questa pagina

Donate borracce di alluminio agli studenti dell'Istituto Parentucelli-Arzelà (Foto) In evidenza

di Alessio Boi- Da oggi 1300 ragazzi avranno la loro bottiglietta, insieme a due fontane di acqua potabile perfettamente funzionanti. Un altro grande passo ecologico per gli istituti sarzanesi.

Mercoledì, 18 Dicembre 2019 16:00

Due fontanelle di acqua potabile e 1300 borracce in alluminio sono due armi perfette per combattere a viso aperto l'inquinamento, la plastica usa e getta, le cattive abitudini di giovani e vecchi. L'obiettivo, infatti, è quello di lavorare sui gesti quotidiani di tutti per cambiarli definitivamente con altri più rispettosi dell'ambiente e non c'è cosa più importante che farlo partendo dalle nuove generazioni: da oggi non sarà più necessario togliere il tappo da una bottiglietta di plastica all'Interno dell'Istituto Parentucelli-Arzelà di Sarzana, ma basterà chinarsi a una delle due fontanelle borraccia alla mano, riempirla e il gioco è fatto. Questa mattina la cerimonia di consegna di recipienti e fontanelle finanziate interamente da Iren, il gruppo di distribuzione di multiservizi, recentemente aggregata ad Acam, si è svolta questa mattina negli spazi della scuola.

Inizialmente l'inaugurazione della sorgente all'aperto, a fuori dalla grande finestra che divide il salone principale dopo l'entrata da un giardino esterno: si tratta di quella destinata gli studenti del liceo, fuori dalla parte opposta ne è presente un'altra più vicina alle aulee di ragioneria, agraria e turistico. Dopodiché con una grande cerimonia all'interno dell'auditorium sono state consegnate le borracce a tutti gli studenti. Per problemi di numeri e dimensioni erano presenti tutti i ragazzi del triennio, ma del biennio solo i rappresentanti di classe e, di fronte agli scaloni affollati da giovani, il vicepreside Massimo Caleo interviene così:" Ringrazio Iren per averci creduto e alla mia scuola per avermi sostenuto in questo progetto- poi rivolgendosi ai ragazzi- adesso sta a voi farne un uso consapevole, vi chiediamo collaborazione per un passo avanti molto importante". Si aggiunge il preside Generoso Cardinale:"Un ringraziamento va nell'accoglienza che mi dedicate ogni volta, queste idee sono state realizzate con la vostra partecipazione, spero che sia uno stimolo che porti a fare delle cose visionarie e straordinarie".

Prima della consegna ufficiale l'ultimo a parlare è Cristiano Lavaggi, che porta la voce di Iren all'interno dell'auditorium, anche se non è il solo a rappresentare le aziende che hanno contribuito a rendere possibile questa iniziativa: insieme a lui erano presenti Luca Piccioli, che si occupa di progetti strategici di Iren, Marco Fanton, direttore di Acam Acque, Barbara Petricone, referente ufficio comunicazione di Iren in Liguria e Gianluca Paglia, amministratore delegato di Acam Ambiente. Insomma Lavaggi conclude il giro di interventi:"Siamo orgogliosi di aver portato avanti questo progetto con voi: noi abbiamo fatto un piccolo sforzo economico, un grande sforzo l'hanno fatto gli insegnanti, ma la fatica più grande la farete voi- dichiara rivolgendosi agli studenti e conclude- insegnate a tutti il rispetto dell'ambiente e noi saremo sempre al vostro fianco".

Il vicepreside Caleo e uno dei rappresentanti d'istituto Francesco Rossini hanno coordinato la consegna che consisteva nel gesto simbolico di buttare via delle bottiglie di plastica in dei bidoni messi appositamente e ricevere un nuovo strumento. Ma quali benefici potrebbe portare questa novità in una scuola di quelle dimensioni? Con qualche rapido conto e qualche dato fornito da preside e vicepreside è emerso che vengono consumate circa 1000 bottigliette al giorno da tutto l'istituto e solamente durante l'orario delle lezioni, poiché nel pomeriggio l'istituto rimane aperto per altre attività. Dunque, si spera in un risparmio di 7 tonnellate di plastica all'anno, solo per l'acqua.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Per iniziare è consigliabile seguire i consigli di professionisti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa