Opi: "Inique disparità sui progetti in ASL 5" In evidenza

L'Ordine commenta la notiza della diversa monetizzazione delle attività effettuate in ''prestazioni aggiuntive'' presso la Radiologia del presidio di Sarzana

Lunedì, 16 Dicembre 2019 14:23

Leggiamo la nota del Nursind sulla diversa monetizzazione delle attività effettuate in ''prestazioni aggiuntive'' presso la Radiologia del presidio di Sarzana e, premesso che un Ordine professionale non siede ai tavoli delle contrattazioni economiche, nè centrali nè periferiche, abbiamo in ogni caso a cuore il corretto riconoscimento delle professionalità; per questo restiamo sinceramente stupiti di questa decisione, immotivata e anacronistica.

E cercheremo, con pochi e documentati richiami, di dimostrarlo a chi non ha confidenza con queste differenze.

I motivi per i quali si resta perplessi si trovano nella comune formazione (tre anni di Università e successiva possibilità, per entrambe le figure di accesso a Master, magistrale, dottorato, eccetera); nell'identico obbligo di adesione al programma ECM (Educazione continua in medicina); e -se osserviamo i Contratti nazionali di lavoro- entrambe le figure (come tutte le professioni sanitarie che si formano in Università) si collocano nella fascia D/DS.

Ma, e qui vi preghiamo di leggere con attenzione, proprio sulla radiologia di Sarzana da anni si vivono difficoltà (così ci confermano fonti molto ben informate...) quando, durante esami effettuati in emergenza, la presenza del medico radiologo e del tecnico di radiologia NON BASTA ad assicurare l'esame, perchè serve "qualcuno" che incannuli una linea venosa ed inietti il mezzo di contrasto (quando previsto) per la effettuazione dell'indagine.

Questo ''qualcuno'', in base alle normative vigenti oggi (profilo professionale su tutti) è l'infermiere, proprio quel professionista sanitario che questa determina vuole retribuito in misura inferiore... cioè, non si effettua l'esame senza un infermiere che inietti questo prodotto nelle vene del paziente!

Lasciamo ai lettori ogni conclusione sul "valore" di questo disparità.

Ci piace, e ci preme, aggiungere che poco fa ci ha raggiunti in sede con una telefonata l'amico Presidente dell'Ordine dei Tecnici di Radiologia e delle altre Professioni sanitarie, PierAndrea Moretti, che ha condiviso le nostre stesse perplessità, che sono quelle di tutti coloro che, operando in Sanità, conoscono la realtà delle cose "sul campo".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(2 Voti)
OPI Ordine Infermieri La Spezia

Via Paolo Emilio Taviani, 52
19125 La Spezia

Tel. 0187/575177
Fax: 0187/283942

Email: ipasvisp@cdh.it

 

Ultimi da OPI Ordine Infermieri La Spezia

L'ordine sottolinea il ruolo degli infermieri, tra i più esposti nell'emergenza. Leggi tutto
OPI Ordine Infermieri La Spezia
Il comunicato dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche La Spezia. Leggi tutto
OPI Ordine Infermieri La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa