Castelnuovo, problemi nei riscaldamenti della scuola materna. Lettera aperta al sindaco In evidenza

di Alessio Boi - Una lettera sottoscritta dal gruppo Lega Castelnuovo Magra, contattato da un gruppo di cittadini, lamenta alcune disfunzioni nei riscaldamenti del plesso di via Palvostrisia.

Sabato, 16 Novembre 2019 15:47

Da una parte una temperatura troppo alta, dall'altra, invece, il lavoro dei caloriferi non basta a mantenere le aule calde.

Questa la situazione descritta in una lettera aperta dalla Lega di Castelnuovo Magra, che ha riportato le lamentele di un gruppo di cittadini che si sono rivolti agli esponenti politici.

Nel documento spedito al primo cittadino di Castelnuovo Magra Daniele Montebello c'è un invito al sindaco stesso a risolvere in breve tempo la situazione della scuola materna di via Palvostrisia, poiché, secondo i firmatari Alessandro Panello, Camilla Berrettoni, Giovanni Tassora e Roberto Giannotti non si possono lasciare i bambini alla "cottura" nelle classi.

La situazione è spiegata in una maniera molto pacata nella lettera, ma, in conclusione quando si parla di fondi, si invita l'amministrazione a tagliare gli investimenti per "manifestazioni che poco portano in termini di vantaggio alla collettività". Poi la lettera prosegue: "Pensiamo ad impiegare i denari pubblici in modo conforme al bene comune piuttosto che in spese voluttuarie come fatto fin ora".

Riportiamo di seguito la lettera integrale: "Quando la cura è peggio del male!
Caro sindaco, volevamo complimentarci con lei per la solerzia nel contrastare il freddo della scuola materna di via Palvotrisia, ma e c’è un ma, il caldo della scuola materna non deve esser la causa della “cottura” dei bambini della scuola elementare! Vede, forse Le è poco chiaro il concetto di bene comune. 

La Sua funzione è quella di porre rimedio a possibili disservizi andando ad agire per l’interesse primario che è quello della collettività! In questo caso il bene primario è il benessere dei bambini, sia della scuola materna che della scuola elementare. Aumentare la temperatura in tutto il plesso scolastico comporta la creazione di due aree delimitate con temperature variabili di cui: in una parte si obbliga la scolaresca a far lezione con la finestra aperta nei casi di tempo soleggiato, in caso contrario ad una bella sudata collettiva, e nell’altra parte ad una temperatura mite, ma non ancora sufficiente a garantire il corretto riscaldamento durante i mesi invernali. Probabilmente non è andato a sincerarsi di persona, ma se decidesse di farlo si accorgerà che quello che asseriamo corrisponde al vero.

Pensiamo sia dovere della giunta comunale reperire i fondi adeguati per risolvere in maniera definitiva questo problema che si ripropone annualmente e non, come ha fatto Lei che si è limitato a mettere una pezza alla situazione per tacitare quei genitori che hanno sollevato rimostranze. Cercheremo di spiegarci meglio: riteniamo che le scuole (materna ed elementare) debbano esser tutte a temperatura idonea senza che da una parte del plesso scolastico sia estate e dall’altra “primavera”. Speriamo di aver reso bene l’idea!

Confidando nella comprensione di quanto scritto auspichiamo che l’impianto venga adeguatamente riparato nel minor tempo possibile, peraltro cosa che doveva esser fatta prima dell’inizio dell’anno scolastico. Dove reperire i fondi chiederà(?). Bene un’idea potrebbe esser il taglio a manifestazioni che poco portano in termini di vantaggio alla collettività. Pensiamo ad impiegare i denari pubblici in modo conforme al bene comune piuttosto che in spese voluttuarie come fatto fin ora".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Condannato per spaccio, porto abusivo di armi e resistenza a pubblico ufficiale. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa