Stampa questa pagina

"Malattia di Parkinson e stili di vita", successo per il convegno a Licciana Nardi In evidenza

Un convegno per capire le cause della malattia di Parkinson.

Giovedì, 31 Ottobre 2019 18:15

Sabato scorso, presso il castello di Terrarossa di Licciana Nardi, tanti medici di medicina generale e specialisti ambulatoriali hanno animato il convegno “Malattia di Parkinson e stili di vita”, organizzato dall’ASL Toscana Nord Ovest e dalla Società della Salute della Lunigiana, diretta da Rosanna Vallelonga, con il supporto dell’associazione Coldiretti Massa Carrara, di Epaca Coldiretti e dell’Associazione Utenti Parkinson.

Durante il convegno, molto partecipato, sono state affrontate tematiche di grande attualità come le cause della Malattia di Parkinson (predisposizione genetica e fattori ambientali), la diagnosi ed i sintomi motori, la possibilità di anticipare la diagnosi, le terapie personalizzate e di precisione, gli stili di vita, la riabilitazione, il ruolo della rete ospedaliera, dei servizi sul territorio e delle associazioni delle famiglie dei pazienti.

Finalità dell’evento, la cui organizzazione logistica è stata a cura di Alessandro Guidi, responsabile dell’Unità Funzionale Salute Mentale Adulti della Lunigiana, e di Flavio Cattani dell’Unità Operativa Formazione, è stata quella di diffondere tra la popolazione l’adozione di corretti stili di vita, che possano contribuire a ritardare i processi neurodegenerativi che sottendono anche la Malattia di Parkinson.

Tra i relatori, tutti di alto livello, da segnalare la partecipazione di Renato Galli, direttore dell’area delle patologie cerebro vascolari del Dipartimento delle specialità mediche dell’ASL Toscana Nord Ovest; di Carlo Rossi, responsabile ambulatorio malattie neurodegenerative nell’ambito dell’Unità Operativa di neurologia a Pontedera; di Carlo Maremmani, responsabile dell’Unità Operativa di neurologia a Massa; di Paolo Del Dotto, direttore dell’Unità Operativa di neurologia al Versilia; di Marco Vista, responsabile dell’Unità Operativa di neurologia a Lucca; di Alessandro Napolitano, anch’esso dell’Unità Operativa di neurologia a Lucca; di Vittorio Brancatella, specialista neurologo ambulatoriale.

Sul tema “Il ruolo della associazione dei pazienti in un’ottica di condivisione delle scelte mediche” c’è stata, poi, la testimonianza di Franco Cresci dell’Associazione Utenti Parkinson.

Dopo un’interessante discussione che ha coinvolto la platea, Coldiretti ha organizzato un momento conviviale con prodotti locali.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Francesco Falli - Tutte le emozioni della prima partita della storia in serie A Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Per riconoscere più velocemente e con sicurezza la malattia e dimostrare che si tratta di vera patologia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa