Nuovo ospedale, colpo di scena: Pessina vicina al concordato per troppi debiti In evidenza

di Gabriele Cocchi – Oggi l’azienda dovrebbe presentare la richiesta al Tribunale di Milano. Perdita annua di 30-40 milioni per il cantiere del Felettino.

Mercoledì, 24 Luglio 2019 18:42

Pessina Costruzioni, l’azienda che nel 2015 ha vinto l’appalto per la costruzione del nuovo ospedale del Felettino, oggi dovrebbe depositare al Tribunale di Milano la richiesta di concordato in bianco. Entro venerdì, invece, dovrebbe essere nominato un commissario.

La procedura, riservata a imprenditori e società in stato di crisi da sovraindebitamento, dovrebbe permettere all’azienda guidata dal presidente Massimo Pessina e dall’amministratore delegato Guido Stefanelli di garantire la continuità dei lavori in corso.

Una delle principali ragioni della situazione di crisi sarebbe da individuare nel pesante rallentamento della produzione dei cantieri (e delle relative entrate) nel corso dell’ultimo anno. Ad oggi, infatti, Pessina avrebbe accumulato un debito con le banche di circa 100 milioni di euro. Tra le maggiori difficoltà, oltre alle cattive acque in cui versa il settore delle costruzioni a livello nazionale, c’è proprio lo stallo del cantiere del nuovo ospedale spezzino, bloccato da ormai tre anni.

Secondo i dati del Sole 24 Ore, l’appalto del Felettino avrebbe causato all’azienda una perdita di fatturato annua compresa fra i 30 e i 40 milioni di euro. Un insieme di concause che avrebbero determinato una seria crisi di liquidità, un fattore purtroppo comune a molte imprese di costruzioni: il piano di concordato dovrebbe quindi permettere all’azienda di venire incontro ai creditori.

Un passo decisivo sarà l’individuazione dei cantieri che possono garantire adeguate entrate economiche, per far fronte alla situazione debitoria, e di quelli che invece presentano gli ostacoli maggiori. L’attuale stallo del cantiere del Felettino, in questo senso, non sembra giocare a favore della continuità dell’appalto.

Il cantiere è di fatto bloccato da ormai tre anni, da quando Pessina, a seguito di una raccomandazione della Provincia sulla tenuta antisismica della nuova struttura, aveva presentato una variante alla costruzione delle fondazioni (senza aumento di costi né di tempi). Soltanto pochi giorni fa è arrivato l’ok definitivo di Comune e Provincia, rispettivamente per la valutazione idrogeologica e sismica della variante.

A mancare, ancora oggi, è il via libera di Ire, la società in house della Regione che ha il ruolo di stazione appaltante, con cui in passato Pessina si è duramente scontrata sulle ragioni dello stallo del cantiere.

Stando alle ultime informazioni, tutta la documentazione dovrebbe ancora essere in mano a un’azienda appositamente incaricata da Ire di valutare tutta la documentazione presentata dall'azienda.

Lunedì 29 luglio proprio un rappresentante di Pessina, l'ingegnere Andrea Lentini, verrà ascoltato in Comune dalle commissioni sanità e lavori pubblici per far luce sulla situazione del cantiere.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(2 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Giovane operaio morto sul lavoro a Genova

Lunedì, 18 Novembre 2019 21:28 cronaca
I sindacati: "Bisogna incrementare ancora la cultura della sicurezza". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il marciapiede sottostante è interdetto al transito dei pedoni. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa