Medusei: “Nessuna chiusura di chirurgia, nessun trasferimento di pazienti a Genova” In evidenza

di Francesco Truscia - L’assessore risponde al question time a firma del Partito Democratico sul reparto di chirurgia del Sant’Andrea.

Martedì, 23 Luglio 2019 16:25

Durante il consiglio comunale che si è tenuto ieri sera i consiglieri Marco Raffaelli, Federica Pecunia e Luca Erba hanno deciso di interrogare l’assessore alla sanità Gianmarco Medusei in merito alla vicenda che vede protagonista il reparto di chirurgia dell’ospedale Sant’Andrea.

“Dentro il quadro di notizie emerse qualche giorno fa pare anche essere confermata una riduzione del numero di interventi complessi, in particolar modo quelli rivolti al pancreas - ha esordito ieri sera la consigliera del PD Federica Pecunia - Noi abbiamo un’eccellenza nel campo di interventi al pancreas, non si capisce perché debba essere depotenziato l’ottimo lavoro fatto dai nostri operatori".

"Ma questa è solo la punta dell’iceberg - ha proseguito la consigliera del PD - di un tema, come quello della sanità nella nostra provincia, che parte dal fatto che manca ancora il Felettino e che l’organizzazione generale sia sottodosata rispetto alle necessità”.

L’assessore Gianmarco Medusei, che già aveva risposto sulla vicenda con un comunicato stampa, ha ribadito: “Alisa ha già risposto sul tema, ma voglio ribadirlo con fermezza questa sera. Nessuna chiusura della chirurgia e nessun trasferimento dei pazienti a Genova".

"Secondo i DIAR (dipartimenti interaziendali regionali) ci sarà una maggior condivisione a livello regionale dei casi clinici ad alta complessità chirurgica - ha continuato l'assessore - La nostra città è dotata di ottime professionalità nella chirurgia e il servizio sarà sempre garantito".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Siamo di fronte ad una fase cruciale per le sorti del paese e per il futuro del campo del centro-sinistra". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Lo ha deciso il Comune della Spezia nell’ultima riunione di giunta. Nel ’44 don Scarpato fu catturato dai nazifascisti: imprigionato e picchiato, non disse una parola. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa