Le Cinque Terre e la produzione di vino, una storia millenaria In evidenza

In un contesto unico, reso ancora più affascinante dai terrazzamenti.

Mercoledì, 29 Agosto 2018 11:57


Il paesaggio delle Cinque Terre è opera dell'uomo, che ne è stato insieme architetto e operaio.

Chi ha costruito i primi terrazzamenti, parecchi secoli fa, non era consapevole di segnare il destino di così tante generazioni future e della loro terra. Dal suo operare ha preso forma un paesaggio unico, che è l'essenza delle Cinque Terre e che, inconsapevolmente, ha donato ad un territorio un fascino tale da sedurre ogni visitatore.

L'origine della viticultura alle Cinque Terre è avvolta nel mistero.

Numerose ipotesi, non documentate storicamente, vogliono fissare l'inizio della coltivazione già in epoca romana, in realtà le prime fonti documentate risalgono dopo l'anno Mille. Ad alimentare la costruzione di terrazzamenti adibiti a coltura fu l'influsso delle signorie locali e dei monaci benedettini insediati sull'Isola del Tino.

Lo sviluppo concreto della produzione e vendita di vino si ebbe intorno al 1200 quando la Vernaccia, lo Sciacchetrà dell'epoca, inziò ad essere esportato anche al di fuori della Repubblica di Genova.

A seguire la storia della viticultura, in questo territorio così difficile, ha goduto di una costante crescita nonostante alcuni periodi di grandi crisi, in particolare durante il 1700, fino ad arrivare ai giorni nostri quando, nel 1973, è stata riconosciuta la Denominazione di Origine Controllata alla produzione vitivinicola, frutto di tante fatiche: il Cinque Terre DOC, vino bianco secco da tavola, e il Cinque Terre Sciacchetrà DOC, il prezioso vino passito.

Grazie all'istituzione dell'Ente Parco è stato possibile osservare una lenta ma graduale ripresa della coltivazione e della conseguente produzione vinicola.

Presto in distribuzione nei centri visita e presso le strutture aderenti al Marchio di Qualita Ambientale - CETS materiale informativo con elenco dei produttori (potete scaricarlo qui sotto).


È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Parco Nazionale delle Cinque Terre

Il tratto REL n. 531, storica via di collegamento verticale tra Riomaggiore e Manarola, da oggi torna ad essere fruibile a seguito di interventi straordinari di recupero. Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa