Notizie dalla Diocesi In evidenza

Di seguito le ultime notizie dalla diocesi: eventi importanti, convegni e divertimento.

Sabato, 10 Febbraio 2018 18:16

Quaresima di preghiera e di impegno
Due eventi, nei prossimi giorni, daranno inizio al periodo “forte” della Quaresima nella diocesi della Spezia – Sarzana – Brugnato. Mercoledì, primo giorno di Quaresima, il vescovo Luigi Ernesto Palletti presiederà nella cattedrale spezzina di Cristo Re la Messa solenne nel corso della quale amministrerà il rito delle Ceneri. Questo rito si tiene, mercoledì, in tutte le chiese parrocchiali officiate. Per favorire una più ampia partecipazione dei fedeli, in due chiese cittadine, e precisamente nel santuario francescano di Gaggiola e nella parrocchia di Nostra Signora della Salute, in piazza Brin, la Messa con l’imposizione delle Ceneri verrà celebrata anche alle 21. Venerdì prossimo 16 febbraio, poi, il vescovo presiederà, alla Spezia, la Via Crucis cittadina, con partenza alle 21 dalla chiesa di Nostra Signora della Neve, in via Garibaldi, e conclusione nella cripta della cattedrale di Cristo Re. La celebrazione sarà animata dai gruppi giovanili cattolici.

I “salvadanai” della carità
Anche quest’anno, in diocesi, il periodo liturgico quaresimale, che come riportato sopra inizia con le celebrazioni dei prossimi giorni, sarà caratterizzato dall’iniziativa che viene chiamata “Quaresima di carità”. Associazioni, famiglie e singole persone sono invitate a raccogliere offerte, frutto di sacrifici personali e di gruppo, depositandole nei tradizionali salvadanai di cartone, disponibili presso le parrocchie. Il Giovedì Santo, e comunque nei giorni precedenti la Pasqua, i salvadanai saranno restituiti in chiesa e le offerte raccolte saranno destinata ad alcune indicazioni che il vescovo diocesano ha predisposto d’intesa con la Caritas e con il centro missionario diocesano. Sul piano degli interventi caritativi, le intenzioni della “Quaresima di carità” 2018 sono due: il sostegno alle famiglie in difficoltà ed a rischio di emarginazione sociale, e la gestione del dormitorio diocesano “Locanda Samaritano”, che si trova nella Cittadella della pace a Pegazzano. Anche quest’anno ci sarà inoltre una intenzione di carattere missionario. Una parte delle offerte, infatti, verrà destinata al missionario padre Luigi Carlini, sacerdote diocesano che da molti anni opera in Brasile, in una missione della città di Macapà. In particolare, il sostegno andrà a potenziare alcune significative opere nel settore scolastico ed in quello abitativo nel territorio della missione. Padre Luigi è rimasto sempre in contatto con la sua diocesi di origine, ospitando anche i giovani spezzini nel corso della Giornata mondiale della gioventù del 2013 in Brasile.

La Giornata del malato
La Chiesa ricorda l’11 febbraio, tutte le persone malate nella Giornata istituita ventisei anni or sono da Papa Giovanni Paolo II. Alle 15, il vescovo Luigi Ernesto Palletti celebra per loro la Messa nella chiesa parrocchiale di San Pietro a Mazzetta. E’ la chiesa che ospita una cappella dedicata alla Madonna di Lourdes e presso la quale ha sede la sezione spezzina dell’Unitalsi, l’organizzazione che ogni anno si occupa di accompagnare le persone malate a Lourdes e in altri santuari. Saranno accolte tutte le persone malate o disabili che potranno intervenire, con i loro familiari e accompagnatori. In alcune chiese, inoltre, come stasera alle 18 nel santuario francescano di Gaggiola, nel corso della Messa si amministra, a chi ne ha i requisiti, il sacramento degli infermi. Nei prossimi giorni, a partire da domani, il vescovo Palletti visiterà i degenti dei vari reparti all’ospedale della Spezia. con il seguente calendario: lunedì neurologia, psichiatria e infettivi; martedì nefrologia e dialisi; mercoledì ortopedia e medicina; giovedì otorinolaringoiatria, maternità, ginecologia e chirurgia; venerdì pronto soccorso, medicina d’urgenza, terapia intensiva, cardiologia e pediatria. Nei girorni successivi visiterà i degenti dell’ospedale di Sarzana.

La Casa sulla roccia
C’è anche alla Spezia, anche se forse non sono in tanti a saperlo, una ... “Casa sulla roccia”. Si tratta di una comunità educativa ed assistenziale per minori in difficoltà, sorta nel quartiere della Chiappa e collegata con la Caritas diocesana nella persona del presidente Matteo Roy. Proprio nell’ambito delle attività già avviate, gli operatori hanno maturato l’idea di guardare al territorio, affinché possa esserci uno scambio di risorse ed un confronto aperto con le famiglie, attraverso la scuola e le parrocchie. Questo potrà avvenire sui temi dei giovani, sull’importanaza dell’educare, sulla difficoltà odierna di proporre modelli controcorrente. In tal modo. la “Casa sulla roccia”, facendo onore al suo nome, può divenire una risorsa che dialoga al meglio con le altre agenzie educative. Rappresenta uno stimolo in tale direzione anche il periodo di preparazione al Sinodo dei vescovi 2018, dedicato al tema dei giovani: una preziosa occasione per riflettere su quanto la generazione adulta attuale senta la responsabilità di concorrere alla formazione delle nuove generazioni, ponendosi la domanda sul modello di vita da trasmettere. Sul tema era in qualche modo intervenuto il vescovo Luigi Ernesto Palletti nell’omelia tenuta, in ottobre, per l’apertura dell’anno pastorale, in cui aveva sottolineato l’importanza della comunione e della testimonianza: senza questi presupposti, il fare si traduce infatti in semplice operosità, facendo perdere di vista la motivazione profonda: essere creature in cammino per costruire insieme il Regno di Dio. Su queste basi, la “Casa sulla roccia” sta organizzando una serie di incontri, il primo dei quali si terrà martedì 20 febbraio alle 20.30 nei locali della parrocchia di Santa Rita, ai Vicci. La psicologa Anna Maria Bertola parlerà sulla “Responsabilità verso le nuove generazioni”. Collaborano all’iniziativa la Caritas diocesana, la Pastorale della famiglia, la Pastorale giovanile, la Pastorale della salute. Tutti saranno invitati.

400 anni fa la fondazione del convento dei Cappuccini a Monterosso
di Guido Ghersi- A Monterosso al mare, nel lontano 20 febbraio 1618, sul colle di San Cristoforo venne posta una croce, nel punto in cui sarebbe sorta la chiesa–convento dei Cappuccini. Ciò grazie all’iniziativa di padre Cielo da Castelletto, predicatore e famoso fabbriciere. La chiesa venne costruita con denaro che il nobile genovese Gian Fabio Squarciafico aveva lasciato prima di farsi frate, e diventare padre Francesco Maria da Genova. Ci vollero ben cinque anni per completare il complesso, noto ancora oggi come “Orto del Paradiso”. Proprio oggi si aprono dunque gli eventi in programma per i quattrocento anni dalla fondazione di questo luogo di pace. In giornata, i frati cappuccini e le suore di clausura si incontrano con i monterossini. Poi, sino a sabato prossimo, ci saranno Messe ed incontri nella parrocchiale di San Giovanni Battista e, nei pomeriggi, si terranno il Rosario meditato, i Vespri e la Messa non solo nella citata chiesa ma anche in quelle di Fegina, di Santa Croce e nell’oratorio “Mortis et Orationis”. Domenica 25 febbraio sarà una giornata di grande festa, con la presenza di padre Mauro Johri, ministro generale dell’ordine dei Frati Minori Cappuccini: per l’occasione sono previsti migliaia di fedeli da tutta Italia, in quanto la chiesa e il convento, nel 2014, sono stati votati quale primo dei “Luoghi del cuore” nel censimento promosso dal “Fondo ambiente italiano”(Fai), con un numero record di segnalazioni. Commenta il sindaco Emanuele Moggia: «Per Monterosso si tratta di un punto di riferimento che fa parte della nostra storia: una presenza che è sentinella di pace e di tutela del creato, legata ai valori francescani di rispetto della natura». A sua volta padre Renato Brenz–Verca, motore delle celebrazioni, ci spiega: «Vorremmo mantenere viva l’attenzione su un luogo di particolare importanza, ma anche offrire la possibilità a tanti nuovi amici di avvicinarsi al convento».
Guido Ghersi

Incontro “giovani preti”
Martedì prossimo 13 febbraio il vescovo diocesano Luigi Ernesto Palletti guiderà a Sarzana uno dei dei periodici incontri con i “giovani preti”, ovvero coloro che sono stati ordinati negli ultimi dieci anni. L’incontro si terrà nei locali del seminario vescovile.

Lerici, in cammino verso la festa di Avvenire
L' estate è ancora lontana, ma il cammino di preparazione alla festa di “Avvenire”, che anche quest’anno si terrà a Lerici tra la fine di luglio e i primi di agosto, è già iniziato. Sono tanti infatti gli impegni di carattere preparatorio che, insieme allo staff nazionale del quotidiano cattolico e alla diocesi, vedono in prima linea la parrocchia lericina di San Francesco e i volontari e le volontarie della festa. In questi giorni proprio la parrocchia ha provveduto a pubblicare il bando per l’ottava edizione del concorso letterario “Madonna di Maralunga”. Il concorso, la cui premiazione si tiene nei giorni della festa, è per racconti e poesie, con una sezione riservata agli studenti della scuola secondaria di primo grado del comune di Lerici, ed un’altra sezione riservata alle persone adulte anche non residenti a Lerici. Il tema per i giovani è il seguente: “Sì, io sogno un mondo che...”, mentre quello per gli audlti è “In ascolto della voce interiore”. Gli elaborati dovranno essere spediti entro il 30 giugno alla parrocchia di San Francesco di Lerici, in via Matteotti, 3, oppure in formato pdf o doc all’indirizzo e–mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Verranno premiati i primi tre classificati di ogni sezione. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il regolamento completo disponibile nella parrocchia di Lerici, o contattando l’indirizzo e–mail suddetto.

Corso La Famiglia
«Conoscersi e ri–conoscersi» è una delle attività che l’associazione “La famiglia” intende attivare sin dai prossimi giorni alla Spezia in collaborazione con il consultorio familiare di ispirazione cattolica “Itala Mela”. Obiettivo degli incontri, che si terranno nella sede di Casa Massà, in via Cardona 24, è quello di fornire spunti di riflessione per iniziare a cogliere alcuni aspetti della propria persona e per migliorare il valore che diamo a noi stessi allo scopo di meglio affrontare le difficoltà, ritrovando e consolidando così la propria forza interiore. A partire da giovedì prossimo 15 febbraio si terranno tre incontri, con possibilità di iscriversi al gruppo “Mariposa” (il giovedì dalle 17 alle 19) oppure al gruppo “Fenice” (il mercoledì dalle 10 alle 12) con una iscrizione di trentacinque euro. Gli incontri saranno tenuti dalle psicologhe e psicoterapeute Claudia Righetti e Luana Maria Jaselli. Per iscrizioni e per informazioni telefonare all’associazione “La famiglia”, al numero 393.1479654.

Ricordo di Aldo Moro
A quarant’anni dal sequestro e dall’uccisione di Aldo Moro, avvenuti nel 1978, quattro organismi presenti in diocesi organizzano alla Spezia un incontro per ricordare lo statista democristiano (nella foto) e la sua testimonianza di vita cristiana. L’incontro è promosso dal Centro studi giovanile, dal movimento dei laici domenicani, dall’Università della terza età della Spezia e dall’Istituto superiore di scienze religiose “Niccolò V”, e si terrà venerdì prossimo 16 febbraio alle 17.30 nell’aula magna delle opere diocesane di via Malaspina 1. Il professor Guido Formigoni, ordinario di Storia contemporanea alla Iulm Libera università di lingue e di comunicazione di Milano, terrà una lezione sul tema “Laicità e fede vissuta nell’impegno politico di Aldo Moro”. Introdurrà il professor Carlo Lupi. Tutti sono invitati.

Corso per futuri genitori
L’associazione “La famiglia”, grazie al consultorio di ispirazione cattolica “Itala Mela”, operante alla Spezia in via Cadorna 24, propone, a partire da sabato prossimo 17 febbraio, un “percorso” destinato ai futuri genitori. L’associazione, attraverso incontri con alcuni operatori (psicologo, infermiera pediatrica, nutrizionista, musicoterapeuta) desidera offrire infatti alle future mamme ed ai futuri papà alcune indicazioni e consigli che permettano loro di affrontare con maggior serenità e consapevolezza un momento così speciale ed importante. Gli incontri, gratuiti, si terranno il sabato dalle 17 alle 19. Per iscrizioni e per informazioni, telefonare al numero 393.1479654.

Burattini in oratorio
”Burattin burattinando” è una delle attività più seguite, tra quelle rivolte a bambini e bambine che si tengono, a più riprese, nei locali dell’oratorio salesiano spezzino, in via Roma. Il prossimo spettacolo del simpatico gruppo si terrà martedì 13 febbraio alle 15.45, in occasione dell’ultimo giorno di Carnevale. Per l’occasione, l’incontro di iniziazione cristiana (catechismo) della parrocchia della Neve è spostato a mercoledì alle 17.

Convegno a San Terenzo
Il Movimento cristiano lavoratori ha tenuto ieri a San Terenzo al mare, presso una delle sue sedi “storiche”, un convegno sui temi del lavoro. Il convegno ha inteso ricordare il fondatore del movimento a San Terenzo, ed anche in provincia, Amerigo Lupi, scomparso alcuni anni or sono, ed inoltre Giuseppe Perfetti e Guerrino Bucci. Ha partecipato ai lavori, con il presidente provinciale Francesco Bellotti, il vice presidente nazionale Piergiorgio Sciacqua.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Diocesi

Con il grande segno dell’imposizione delle ceneri è iniziata anche quest’anno la Quaresima. Leggi tutto
Diocesi

Notizie dalla Diocesi

Domenica, 04 Febbraio 2018 09:00 comunicati-religiosi
In primo piano la Giornata per la vita. Leggi tutto
Diocesi

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa