Notizie dalla Diocesi In evidenza

Di seguito le ultime novità della diocesi della Spezia- Sarzana- Brugnato.

Sabato, 11 Novembre 2017 17:25

Giovani e vocazioni alla vita consacrata: verso il Sinodo

Mercoledì scorso, a Camaiore, nello Studio teologico interdiocesano “Monsignor Enrico Bartoletti”, di Camaiore, dove studiano anche i seminaristi della Spezia – Sarzana – Brugnato e dove è preside don Francesco Vannini, parroco alla Spezia in Nostra Signora della Salute di piazza Brin, si è tenuta, quale inaugurazione del nuovo anno accademico, una giornata di studio dedicata al tema del prossimo Sinodo dei vescovi, “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Nel saluto iniziale, il moderatore, Giovanni Paolo Benotto, arcivescovo di Pisa, ha messo in evidenza come si debba registrare in questo anno un calo significativo del numero degli studenti: certo una opportunità interessante per chi c’è, che ha una possibilità ancora più forte di essere seguito, ma una provocazione altrettanto forte per le diocesi a coinvolgersi maggiormente in una serietà di impegno ecclesiale ed in una qualità della proposta vocazionale che aiuti molti a rispondere in modo affermativo all’invito del Signore. Anche per questo il consiglio di studio aveva deciso di dare una attenzione particolare al tema sinodale. A guidare la riflessione sono stati invitati padre Rinaldo Paganelli, catecheta illustre e docente alla facoltà di Scienze dell’educazione della Pontificia Università Salesiana di Roma, che ha offerto una riflessione sul mondo giovanile (“Guardando ai giovani oggi, verso il Sinodo”) e don Andrea Destradi, direttore del Centro diocesano vocazioni di Trieste, collaboratore dell’ufficio nazionale di Pastorale vocazionale, il quale ha sottolineato invece in modo particolare la dimensione della proposta vocazionale (“Quali percorsi di vocazione ?”). Le due relazioni, introdotte e coordinate da don Vannini, hanno messo in evidenza come questo tema debba coinvolgere tutti nella Chiesa, anche perché i giovani pongono forte l’istanza di incontrare nel loro cammino figure significative di “adulti nella fede”, e mettono in questione la capacità generativa degli attuali percorsi di iniziazione cristiana. Con argomentazioni molto precise, i relatori hanno offerto spunti interessanti per leggere la nostra realtà e per individuare dei passi possibili da compiere nelle diocesi. I dibattiti svoltisi nei gruppi degli studenti, ed anche nel gruppo dei rappresentanti della pastorale giovanile e vocazionale delle diocesi, che erano stati invitati, hanno mostrato quanto sia oggi centrale tale questione e quali siano le principali difficoltà da affrontare. Lo Studio teologico si propone di offrire uno spazio per riflettere ancora su di esse, in modo particolare lavorando su una seconda tappa del percorso, che si vivrà in primavera, coinvolgendo maggiormente gli operatori diocesani, così che sempre più la pastorale non sia frutto di improvvisazione, ma di uno studio serio delle nostre realtà e di come possa risultare più efficace farcene carico. Il percorso di ogni diocesi potrà così beneficiare del fatto di essere insieme nella cura della formazione dei seminaristi.

Incontro tra religiose e seminaristi

Un paio di volte all’anno una nutrita delegazione di religiose, appartenenti all’associazione delle loro congregazioni, ovvero l’Usmi, si reca a Sarzana per un incontro di preghiera e di crescita comune con la comunità del seminario diocesano. E’ quello che è avvenuto, da ultimo, in uno degli ultimi giorni di ottobre. Le religiose sono state accolte, al loro arrivo, dal rettore don Franco Pagano e dai seminaristi. La giornata – dopo uno scambio di opinioni sui temi vocazionali e della vita consacrata, si è conclusa, come si vede nella foto qui sopra, davanti all’altare. Intanto il seminario si sta preparando, insieme alle varie comunità parrocchiali, alla Giornata annuale pro–seminario, che nella diocesi della Spezia - Sarzana - Brugnato si terrà tra due domeniche, ultima domenica dell'anno liturgico.

Beni culturali: la Soprintendenza “fa lezione” al clero.

Si discuterà dei temi relativi alla gestione, salvaguardia e valorizzazione e dei beni culturali ecclesiastici nel prossimo incontro del clero diocesano in programma venerdì nel salone “Fanelli” della cattedrale di Cristo Re dopo la Messa del suffragio sacerdotale che il vescovo Luigi Ernesto Paletti celebrerà alle 9 in cripta. L’incontro, a cura dell’ufficio diocesano Arte sacra e beni culturali, prevede infatti un confronto con i funzionari della soprintendenza per la Liguria che operano nel territorio spezzino per la tutela dei beni architettonici, artistici ed archeologici. Sara occasione per mettere a fuoco gli svariati problemi che comporta la tutela dei beni culturali e un utile aggiornamento sulla legislazione vigente. Infatti, il parroco che deve amministrare beni ecclesiastici si trova di fronte ad una serie di incombenze che è bene conoscere al fine di evitare spiacevoli conseguenze anche penali, da cui la necessità di un continuo aggiornamento circa la legislazione civile che si è tenuti ad osservare. Tale legislazione è contenuta nel codice dei beni culturali, il quale prevede la puntuale “verifica di interesse culturale” per tutti gli immobili che, con più di settanta anni di età, siano di pertinenza degli enti ecclesiastici. È questa una delle tante procedure prescritte dalla legge, tanto per fare un esempio. Anche per ciò che concerne la salvaguardia del ricco patrimonio culturale della diocesi, molte sono le difficoltà e poche le risorse per la manutenzione di oltre trecento edifici tra chiese e oratori, e delle numerosissime opere artistiche che l’ufficio diocesano ha catalogato, producendo oltre 22.000 schede. Negli anni sono via via venute meno le risorse per mantenere questo patrimonio e così tante piccole parrocchie, ormai ridotte a pochi abitanti, fanno davvero fatica a tenere al meglio le loro chiese. Saranno presenti – ed è la prima volta che accade in un contesto del genere – i funzionari della soprintendenza genovese Massimo Bartoletti, Neva Chiarenza, Anna Ciurlo e Roberto Leone.
(don Paolo Cabano)

Una Giornata per i poveri

Papa Francesco ha istituito quest’anno per la prima volta una “Giornata mondiale dei poveri”, che si terrà domenica prossima 17 novembre. Il vescovo Luigi Ernesto Palletti, nel fare proprie le indicazioni del Papa, invita tutti i parroci e i rettori di chiese a ricordare domenica che anche in diocesi – come dimostrano i dati della Caritas da noi più volte pubblicati – è cresciuto in modo notevole il numero delle persone in difficoltà economiche e al di sotto della soglia di povertà. Il Papa, in particolare, invita ad aprirsi “alla condivisione con i poveri in ogni forma di solidarietà, come segno concreto di fratellanza”. In questa occasione la Caritas diocesana apre i battenti al suo dormitorio di Pegazzano. Il direttore don Luca Palei invita quanti volessero offrire coperte o indumenti a farlo presso le sedi Caritas alla Spezia o a Sarzana.

’Petrae clamant!’

Prosegue alla Spezia, presso l’Accademia “Capellini”, il ciclo di conversazioni “Petrae clamant !” (”Le pietre esclamano !”), dedicato a pievi e chiese medievali del territorio lunigianese ed organizzato dalla stessa Accademia e dal “Garden club”. Giovedì prossimo alle 17, presentato dal presidente della “Capellini” Giuseppe Benelli, l’architetto Andrea Marmori parlerà della pieve di Santo Stefano di Marinasco, chiesa–madre del Golfo spezzino e della città. Tutti sono invitati.

Un corso per i docenti di religione

Riprende sabato prossimo alla Spezia, nel salone “Fanelli” della cattedrale di Cristo Re, il corso di formazione permanente per insegnanti di Religione cattolica nelle scuole statali e paritarie, attivato quest’anno dall’ufficio diocesano Scuola ed educazione. L’incontro, per il suo tema specifico, è dedicato in modo particolare agli insegnanti della scuola materna e primaria, ma è comunque aperto a tutti gli educatori interessati ai temi scolastici e formativi. Aprirà i lavori alle 9 il vescovo Luigi Ernesto Palletti, e seguirà poi la relazione di don Aldo Basso, già assistente nazionale della Federazione delle scuole materne cattoliche ed ora direttore dell’ufficio Scuola della diocesi di Mantova. Don Basso ha già partecipato come relatore, molto apprezzato, al corso per insegnanti tenutosi nel settembre scorso. Adesso proseguirà nell’affrontare in modo concreto le tematiche educative riferite ai bambini che frequentano la scuola materna ed elementare, parlando su “Diritti e dignità dei bambini”. L’incontro terminerà alle 12.30. Chi partecipa, potrà parcheggiare l’auto nel piazzale della cattedrale. Don Basso sarà comunque alla Spezia già la sera precedente, venerdì. Per sottolineare l’importanza dei temi educativi relativi all’infanzia e alla fanciullezza, e la necessità di collaborazione tra le varie “agenzie educative”, quali la scuola e la famiglia, incontrerà alle 16.30, presso la scuola “Guzman” delle suore domenicane di Mazzetta, i genitori i cui figli frequentano tale scuola. Quanti fossero interessati possono partecipare a loro volta.

Suffragio sacerdotale

Venerdì prossimo alle 9 nella cripta della cattedrale di Cristo Re, alla Spezia, il vescovo diocesano Luigi Ernesto Palletti presiederà una solenne celebrazione eucaristica in suffragio di tutti i sacerdoti e diaconi defunti della diocesi. Tutti sono invitati a partecipare.

Celebrazioni col vescovo

Il vescovo Luigi Ernesto Palletti celebra Messa stamani, domenica, e conferisce le Cresime alla Spezia, nella parrocchia di Pegazzano. Sabato alle 18 farà lo stesso a Valdellora e domenica prossima 17 novembre alle 11 a Romito Magra e alle 16.30 a Polverara.

Corso per volontari

Prosegue alla Spezia, a Casa Massà, il corso di formazione per volontari organizzato da diverse associazioni con il contributo del centro di servizi “Vivere insieme”. Venerdì prossimo, dalle 14 alle 18, i partecipanti al corso affronteranno un tema di attualità, «La mediazione culturale come “ponte tra culture”». Sarà relatrice Vanna Niccolai, antropologa e mediatrice culturale.

Tre decennali di sacerdoti

Dieci anni fa, nel giro di sei giorni, morirono nel mese di novembre tre sacerdoti: don Ardemio Costa parroco di Tellaro, don Franco Lombardi arciprete di Castelnuovo Magra e padre Marino Lungo, cappuccino già superiore del convento di via XX Settembre alla Spezia. Il decennale della loro scomparsa sarà ricordato nei prossimi giorni dalle comunità alle quali furono legati.

Conferenza di Cremolini

”Arte, quante definizioni!” è il tema che Valerio Cremolini, pubblicista e critico d’arte, tratterà venerdì alla Spezia nel corso di una conferenza promossa dal convegno culturale “Maria Cristina”. Appuntamento alle 17 nel salone di Casa Massà, in via Cadorna, 24. Tutti sono invitati.

Suffragio delle Confraternite

Le confraternite diocesane partecipano domani, domenica, al gran completo, alla celebrazione, promossa come ogni anno dal priorato spezzino, per il suffragio dei confratelli defunti e dei loro familiari. La Messa, presieduta dal vescovo, si tiene alle 16 nella chiesa parrocchiale di Borghetto Vara.

A Dublino nel 2018

In occasione dell’incontro mondiale delle famiglie, che si svolgerà a Dublino, in Irlanda, dal 22 al 26 agosto 2018, l’ufficio di Pastorale della famiglia intende organizzare viaggio e soggiorno per partecipare alla grande festa delle famiglie ed alla Messa che sarà celebrata da Papa Francesco. Tema dell’incontro sarà “Il Vangelo della famiglia, gioia per il mondo”. Le persone interessate all’iniziativa possono telefonare al n. 3285834990.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Diocesi

Le ultime notizie dalla Diocesi

Sabato, 18 Novembre 2017 16:53 comunicati-religiosi
Le ultime notizie dalla Diocesi. Leggi tutto
Diocesi
Un vero e proprio “mistero” di carattere artistico e storico potrebbe essere svelato venerdì prossimo a Sarzana. Leggi tutto
Diocesi

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa