Parchi liguri, situazione drammatica

Che i parchi regionali al pari di quelli nazionali non se la passino bene è noto. Forse lo è meno che ciò riguarda purtroppo tutte le regioni incluse quelle che avevano operato meglio e da più tempo.

Domenica, 27 Gennaio 2013 14:59
Non gli ha giovato naturalmente lo stillicidio di norme governative improvvisate e confuse specialmente per quanto riguarda i finanziamenti con le relative implicazioni operative e di assetto degli stessi uffici. Ora anche la Liguria, dopo la Toscana sempre in ambasce come l'Emilia Romagna, ha qualche problema che ha indotto la stessa Federparchi a intervenire e chiedere chiarimenti al fine di evitare decisioni che renderebbero la gestione regionale dei parchi molto più complicata e difficile.

Complicazioni tanto più serie perché la Liguria ha a che fare come poche altre con territori appenninici, alpini e soprattutto marini di rilievo anche internazionale. Insomma con APE e con il santuario dei cetacei e direttamente con la Toscana, l'Emilia, il Piemonte oltre alla Francia. In questo contesto ricondurre, per esempio, a una esclusiva gestione dei parchi regionali magari accorpandoli per ridurre le spese sarebbe un errore imperdonabile perché verrebbe meno quel radicamento e collegamento con il territorio che è la linfa vitale per qualsiasi area protetta. Tanto più in una regione che deve ancora, dopo tanti anni, riuscire ad integrare aree protette terrestri e aree protette marine come nel caso di Portofino dove operano ancora distintamente – anche se impegnati nella collaborazione – un Ente regionale e un Consorzio. Anzi qui si profilano pericolosamente nuove e più gravi insidie derivanti dal testo di modifica alla legge 394 approvato clandestinamente al Senato che cancella dalla legge quadro il riferimento "ai brevi tratti di costa prospicienti" alle regioni che vuol dire semplicemente che le regioni non potranno e non dovranno più occuparsi di aree marine dopo che una legge sul mare precedente alla 394 aveva previsto addirittura piani regionali costieri che proprio a Genova molti anni fa ebbero il suo varo.

Ecco perché all'incontro nazionale promosso da Federparchi per il 29 gennaio a Roma sarà bene che l'associazione si pronunci con forza e chiarezza su questa gravissima amputazione di una legge che aspetta specie su questo punto di essere finalmente attuata e non certo stravolta.

Renzo Moschini
Coordinatore Centro Studi del Parco di Montemarcello-Magra
Presidente del Gruppo di San Rossore
www.grupposanrossore.it

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Parco di Montemarcello Magra

"I parchi, uno strumento fondamentale per gestire una ripartenza verso un nuovo modello di sviluppo rispettoso della biodiversità". Leggi tutto
Parco di Montemarcello Magra

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa