Dissesto idrogeologico Val di Magra, Legambiente: "Colpa delle amministrazioni, non di Burlando!" In evidenza

Questa volta dobbiamo dare proprio ragione a Claudio Burlando: altre volte non siamo stati teneri con lui, ma in questo caso il Presidente della Regione Liguria, conl'Assessore all'Ambiente Renata Briano, ha proprio ragione nel rimandare al mittente le accuse dei Sindaci, che li considerano la causa del dissesto del territorio della Val di Magra.

Sabato, 22 Dicembre 2012 20:43

Non è certo colpa della Regione; anzi la Regione, soprattutto con la sua politica sul fiume Magra, ha impedito finora danni maggiori.
Sono i Sindaci e le amministrazioni locali che si sono succedute i principali colpevoli del dissesto, con le loro scelte demagogiche attuate per tacitare le proteste popolari frutto di convinzioni errate, e con il loro favore incondizionato a un sviluppo sbagliato fondato sulle attività cementizie, facilitate fino al punto di voler consentire loro l'edificazione anche in zone a rischio idraulico, in continuità con un passato sciagurato che ha visto l'occupazione indiscriminata di numerose aree alluvionali, e che si vorrebbe oggi proseguire con le costruzioni in aree ancora inondabili.
Bene ha fatto quindi il presidente Burlando a rispedire al mittente l'accusa di sfascio del territorio, loro sola esclusiva colpa.


Il Vicepresidente di Legambiente Liguria Stefano Sarti
Il Presidente del Circolo Valdimagra di Legambiente Alessandro Poletti

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Legambiente

"Legambiente continuerà la sua battaglia contro la prosecuzione del gruppo a carbone e contro il nuovo impianto a gas." Leggi tutto
Legambiente

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa