Bolletta Acqua, per gli spezzini nel 2015 aumenti del 6.5% In evidenza

"Mentre sono ancora in corso gli addebiti per le ormai note partite pregresse per le quali avevamo già espresso il nostro dissenso, sia nel merito che nel metodo, siamo al nastro di partenza per gli aumenti tariffari dell'acqua per l'anno 2015 che si attestano a circa il 6,5%, con buona pace della inflazione programmata, reale ed attesa". Così in una nota l'Adiconsum La Spezia.

Mercoledì, 04 Febbraio 2015 12:18
"Se si va a sommare l'aumento tariffario in corso con la seconda tranche delle partite pregresse 2009-2011, - prosegue la nota - che verrà addebitata nel corso del 2015, per il corrente anno il costo della bolletta dell'acqua vedrà un aumento in doppia cifra percentuale che sembra prescindere dalla deflazione in atto e dal limitato incremento del costo della vita.
Le proposte tariffarie vengono sottoposte al vaglio dell'Autorità dell'Energia Idrica, deliberate dall'ATO Idrico Provinciale ed attuate da ACAM.

Nessuna informativa è pervenuta alle Associazioni dei Consumatori, nessun confronto di merito, nessun atto volto a migliorare ed a cancellare tutte le criticità in essere relative alle mancate letture (l'autorità prescrive la lettura da parte del fornitore almeno una volta all'anno), ai conguagli che a volte arrivano ad essere quinquennali, alla collocazione in alcuni casi dei contatori sotto il manto stradale o comunque in zone non facilmente accessibili, a perdite a volte non verificabili proprio a causa della ubicazione del contatore medesimo, ai piani di sostituzione e cambio dei contatori da molti anni varati e solo in parte attuati.

E' una situazione a dir poco intollerabile per i rapporti ben diversi che da sempre in passato hanno contraddistinto su questi temi le relazioni tra ATO Idrico, Acam e  Associazioni dei Consumatori.
Non si vuole impedire che decisioni di pertinenza altrui vengano poste in essere in autonomia, ma si chiede il rispetto dei ruoli, delle normative ed il ripristino del metodo del confronto che ha permesso di correggere, valutare diversamente, convenire su alcune scelte, ritenendolo il modo più corretto e proficuo di svolgere ciascuno il proprio ruolo.
Certamente occorre rispetto delle prerogative decisionali, ma la sola limitazione di fatto alla lettura sui rispettivi siti ufficiali delle delibere, delle decisioni e degli atti dispositivi non ci sembra l'emblema migliore del confronto democratico e quindi un qualche correttivo ci sembra proprio debba essere posto in essere".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Adiconsum

Sono la gran parte dei commercianti, e non solo i consumatori, a richiedere di anticipare significativamente le date dei saldi - dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – Ormai da circa un… Leggi tutto
Adiconsum
Caldo ci fa pensare subito a mare e spiagge: Adiconsum ricorda a tutti i bagnanti che le spiagge sono un bene di tutti e l'accesso alla bagnasciuga è libero quindi… Leggi tutto
Adiconsum

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa