Morachioli (Canale Lunense): "Il ritorno alla terra buono strumento contro il dissesto idrogeologico"

Quale futuro del Consorzio Canale Lunense come erogatore di acqua per l'agricoltura del territorio e come ente incaricato per l'attività di bonifica? 

Martedì, 11 Novembre 2014 13:06

Una domanda posta nei giorni scorsi durante una riunione appositamente convocata dal Presidente del Consorzio D'Irrigazione Bonifica del Canale Lunense, Massimo Morachioli, alla quale hanno cercato di dare una convinta risposta tutti gli enti, le associazioni di categoria, i produttori vinicoli e tutti coloro che nel mondo dell'agricoltura ci lavorano

 

"Abbiamo bisogno di dare risposte innovative proprio alla luce di quanto sta accadendo – ha affermato il Presidente Morachioli -, dove da un lato è evidente la grave situazione della difesa del suolo e dall'altro la necessità che la nostra agricoltura esca da una fase ormai quasi esclusivamente hobbistica, ad esclusione della viticoltura e della produzione del basilico, per tornare ad avere un ruolo importante. E ciò anche in conseguenza del valore che hanno oggi la qualità e la tipicità dei prodotti. L'agricoltura in Liguria è uno dei settori economici meno sofferenti. Occorre però che ognuno faccia la sua parte. Inoltre, alcuni dei problemi legati alla difesa del suolo potrebbero trovare una soluzione con il ritorno alla terra, con la presenza dell'uomo che lavora e mantiene pulito e attivo il terreno".

Da parte di tutti i presenti un plauso all'iniziativa che ha saputo mettere insieme enti locali, Regione, Provincia, associazioni di categoria, viticoltori, produttori, responsabili del Mercato Ortofrutticolo e dell'Azienda Agricola Dimostrativa di Pallodola. Gli interventi hanno sottolineato il rinnovato valore dell'agricoltura sia per la difesa del territorio sia sotto l'aspetto economico con l'interesse sempre più manifesto verso i prodotti locali, a km zero. E anche per il vasto consenso, cioè le aumentate iscrizioni, verso gli istituti scolastici ad indirizzo agrario.

Ma per far si che i propositi si tramutino in fatti concreti occorre da un lato capire se esistono opportunità di finanziamento e dall'altro se è possibile canalizzare questa energia in un'unica direzione.

"Il Canale Lunense – ha chiuso il Presidente - può favorire questo lavoro di coordinamento. Dapprima sarà opportuno capire quanti terreni incolti esistono, poi se ci sono strumenti certi per rimettere in moto un' agricoltura moderna".

Tra qualche settimana ci sarà una seconda riunione ancora più operativa.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Canale Lunense

Tel. 0187 620145 / 0187 621556

www.canalelunense.it

Ultimi da Canale Lunense

In fase avanzata anche la riqualificazione dell'edificio esistente che attualmente ospita le pompe idrovore. Leggi tutto
Canale Lunense
Aperta al pubblico con ingresso gratuito nel rispetto delle norme anti Covid, la giornata sarà interamente dedicata all'agricoltura e ai prodotti tipici del territorio in cui opera il Consorzio del… Leggi tutto
Canale Lunense

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa