Morachioli (Canale Lunense) a Burlando e Paita: "Approvare con urgenza legge riordino consorzi. Liguria ha bisogno di risposte" In evidenza

Lettera del presidente del Consorzio al Presidente della Regione Claudio Burlando, al Sindaco e Presidente della Città Metropolitana di Genova Marco Doria e all'assessore regionale alla Difesa del Suolo Raffaella Paita in merito alla necessità e urgenza di una legge di riordino dei consorzi di bonifica e irrigazione. 

Mercoledì, 15 Ottobre 2014 17:34
"Vi scrivo queste righe per manifestare la vicinanza del consorzio e dei consorziati che rappresento al lutto e alla tragedia che ha colpito il territorio del Comune di Genova ed i paesi dell'entroterra genovese. Scrivo all'indomani della tragedia di Genova e del suo entroterra, territorio difficile come del resto tutto il territorio ligure, caratterizzato da un'idrografia alpina ma anche urbana, con corsi d'acqua principali ma anche minori caratterizzati da tempi di corrivazione micidiali, con sezioni idrauliche inadeguate che rendono il territorio ancor più fragile, esponendo le popolazioni che vi risiedono ad un costante rischio.

Sicuramente quanto accaduto il 10 ottobre ha avuto proporzioni catastrofiche anche per l'intensità delle precipitazioni, ma ho sempre ritenuto e a maggior ragione ritengo ora che per ridurre gli impatti che tali eventi ormai frequenti e costanti hanno sulle persone e sui territori, non si possa prescindere da una costante manutenzione dei corsi d'acqua, principali e minori. Ovvio che saranno necessari anche interventi strutturali importanti, ma anche quelli, una volta terminati, per essere efficienti nel tempo, avranno bisogno di una costante manutenzione: trovare risorse per importanti opere strutturali talvolta, dopo eventi come quelli degli ultimi anni, può anche essere semplice, di sicuro non è semplice poi trovare le risorse per la successiva fase di costante manutenzione.

Il Consorzio di Bonifica ed Irrigazione del Canale Lunense svolge il compito della manutenzione ordinaria (che spesso, durante le emergenze, diventa anche straordinaria) da più di 80 anni in Val di Magra, con risultati che sono, nonostante le difficoltà finanziarie dell'ente, da ritenere soddisfacenti per tutta la comunità: basti pensare agli innumerevoli stati di allerta dello scorso autunno-inverno che sono stati superati più che bene e senza danni, anche se spesso al limite, proprio grazie alla nostra, troppo spesso non riconosciuta, attività puntuale sulla pulizia dei fossi.

Scrivo questa lettera anche per fare un appello a tutti voi che avete un ruolo importante nell'amministrazione della regione e della città metropolitana di Genova, per ricordarvi che La Regione Liguria lo scorso Maggio, dopo due passaggi in giunta, ha finalmente approvato l'argomento "legge di riordino dei consorzi di bonifica e irrigazione"'. Tale legge riprende un percorso iniziato da molte regioni del centro e del nord d'Italia, ultima la Toscana che ha approvato la legge di riordino alla fine del 2012, legge che è stata presa come base, proprio perché recente ed evoluta (prevede fra le altre cose che nella governance dei consorzi entrino finalmente a pieno titolo i sindaci), per la redazione della nostra legge. La Legge presentata in Giunta lo scorso Maggio dietro proposta dell'ex assessore Renata Briano, prevede l'istituzione di 4 comprensori di bonifica che andrebbero a coprire l'intero territorio regionale (due periferici, comprensori est ed ovest, e due comprensori del genovesato, centro-est e centro-ovest) governati da altrettanti consorzi di bonifica.

I punti di forza della legge, che porterebbe finalmente, come in Toscana ed Emilia-Romagna, l'intero territorio ligure ad essere sottoposto a bonifica integrale, sono almeno due:

1) la ridefinizione delle competenze sulla manutenzione dei corsi d'acqua, sia ordinaria che straordinaria (!!!) per interi bacini idrografici, superando l'attuale frammentazione amministrativa: la bonifica integrale, termine forse desueto e da ridefinire difesa idrogeologica, deve operare su interi bacini idrografici, superando i limiti amministrativi sia provinciali che comunali e in alcuni casi anche regionali, che spesso portano a interventi che favoriscono una porzione di territorio danneggiandone altre.

2) i cittadini, diventando consorziati, in qualità di proprietari di beni immobili (terreni e abitazioni), oltre che a governare direttamente con rappresentanti da loro eletti, contribuiranno direttamente alla manutenzione del territorio a fronte di un diretto e certificato beneficio ricevuto dall'opera di bonifica. Contributo determinato sulla base di piani di classifica e piani di riparto delle spese che, sulla base dei valori catastali in gioco, andranno a determinare il tributo che dovranno pagare. Vi sarà un legame stretto fra la tassa pagata e il beneficio ricevuto, oltre che il controllo diretto che i lavori vengano regolarmente eseguiti. A titolo d'esempio, con i valori catastali in gioco in Val di Magra, mediamente un appartamento di 100 mq paga per la bonifica circa 30 euro annui, cifra modesta e sostenibile e vi assicuro che il controllo che i consorziati fanno sul mio consorzio, richiedendo interventi, come del resto spesso fanno i sindaci del comprensorio, è molto più assiduo di quanto succeda nelle normali opere pubbliche.

Chiedo quindi con fermezza al presidente della regione e all'assessore alla difesa del suolo di riprendere la legge e di approvarla in Consiglio Regionale con urgenza, a prescindere dalle imminenti elezioni regionali, che non devono in alcun modo costituire una scusa (già sentita) per inutili e dannosi rinvii. Se al contrario, decideste che non è la strada dei consorzi che porta al santo, cambiatela (!!!), ma una risposta occorre darla, ed occorre anche trovare le risorse economiche per supportarla: il sistema consorzi consente anche questo, reperire costantemente le risorse per questi costanti interventi di manutenzione altrimenti da ricercare nella fiscalità generale, con i tragici risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Ovviamente la mia proposta è che a fronte di un ulteriore sacrificio richiesto ai cittadini ed alle imprese occorra anche prevedere degli ammortizzatori, abbassando altre tasse che, nonostante costi ben maggiori nelle tasche dei cittadini, tuttavia non sono servite (purtroppo) a ridurre gli impatti dei ripetuti eventi eccezionali.

Chiedo al Presidente della Città Metropolitana di Genova nonché Sindaco di una delle città più colpite del nostro paese, di stimolare la Regione Liguria in questo percorso per dare delle risposte concrete anche ai territori da lui amministrati e duramente colpiti, di aiutarci nel migliorare la legge, aggiustandola e adattandola meglio alle esigenze ed alle caratteristiche del nostro fragile territorio regionale. La Liguria ha bisogno di risposte, adesso!"

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Canale Lunense

Tel. 0187 620145 / 0187 621556

www.canalelunense.it

Ultimi da Canale Lunense

In fase avanzata anche la riqualificazione dell'edificio esistente che attualmente ospita le pompe idrovore. Leggi tutto
Canale Lunense
Aperta al pubblico con ingresso gratuito nel rispetto delle norme anti Covid, la giornata sarà interamente dedicata all'agricoltura e ai prodotti tipici del territorio in cui opera il Consorzio del… Leggi tutto
Canale Lunense

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa