Buscema (IDV) risponde a Parenti: "Maternità come valore sociale da premiare, non da penalizzare"

Forse un po' di confusione effettivamente c'è, ma non nel mio appello perché venga revocato l'immeritato riconoscimento "Bollino Rosa S.O.N.O – Stesse Opportunità Nuove Opportunità"-

Mercoledì, 27 Giugno 2012 11:10
promosso dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, che aveva la finalità di comprendere il complesso fenomeno dei differenziali retributivi che colpiscono le lavoratrici in ampi segmenti del mercato del lavoro e "certificava" le buone prassi in termini di strategie e pratiche aziendali tendenti alla valorizzazione della presenza e delle competenze femminili – in quanto Poste Italiane adotta strategie e pratiche aziendali non in linea con tale riconoscimento, adottando logiche di produttività che penalizzano la maternità , bensì tra l'immagine che Poste Italiane vuole dare di sé ( nel proprio sito scrive "Questa visione strategica, accompagnata da un programma di investimenti per tecnologie, infrastrutture e formazione, ha permesso all'azienda di elevare in breve tempo e in maniera significativa gli standard di efficienza, di aumentare ulteriormente il grado di professionalità dei propri addetti, di riqualificare gli uffici postali, di incontrare il crescente apprezzamento dei clienti e di chiudere i bilanci in utile. Il tasso di redditività colloca oggi il Gruppo Poste Italiane ai primi posti tra i grandi operatori postali d'Europa." ) e quello che il Sig. Parenti dipendente di Poste Italiane rimasto stupito dalle mia denuncia invece afferma in merito ai "problemi dei lavoratori di Poste Italiane tali da mettere in discussione la sicurezza del posto di lavoro" .

La divisione dei ruoli in famiglia è ancora rigida e asimmetrica a svantaggio della donna, i congedi parentali sono utilizzati soprattutto dalle madri , sono le donne infatti a reggere il carico maggiore nella rete d'aiuto familiare coprendo i due terzi delle ore dedicate alle attività di cura, in un ruolo fondamentale per l'economia e la società; per le donne lavoratrici la gravidanza o la nascita di un figlio costituiscono i fattori scatenanti di gravi situazioni di discriminazione e squilibrio retributivo poiché se un premio produttività viene assegnato in funzione della presenza in servizio va da sé che la donna in quanto madre avrà difficoltà ad essere presente sul posto di lavoro tante ore quante può essere invece presente un uomo .

L'aumento dell'occupazione femminile dipenderà in larga misura dall'efficacia delle politiche che aiuteranno le donne a conciliare il loro impegno in ambito lavorativo con quello familiare, alleggerendo così anche il costo sociale della disoccupazione femminile. Molte delle speranze di contenimento della forte crescita in Italia del rapporto pensioni/occupato sono affidate alle previsioni di aumento del lavoro femminile nei prossimi anni.

In questo periodo di crisi l'occupazione femminile rischia di essere travolta dagli effetti di una politica di risanamento dei conti pubblici tutta giocata sui tagli di tempo, quantità e qualità dei servizi .

Italia dei Valori ha fatto della democrazia paritaria , nell'ottica di un orientamento politico nel senso dell'equità e delle pari opportunità , una battaglia che porta avanti quotidianamente e non è la politica che suddivide per sesso i lavoratori, come invece sostiene il Sig. Parenti , ma le attuali norme che con la loro applicazione generano divario retributivo .

A tal proposito ricordo che è stato accolto proprio lo scorso mese un ordine del giorno presentato dalla Senatrice Giuliana Carlino , Capogruppo dell'Italia dei Valori che prevede di "definire e programmare, d'intesa e in stretta collaborazione con le parti sociali, entro un anno dalla data di approvazione del disegno di legge in esame, misure concrete volte a conseguire entro il 31 dicembre 2016 il definitivo superamento per ciascun settore lavorativo del divario retributivo tra uomini e donne".

Concludo dicendo al Sig. Parenti che proprio "il buon silenzio" che mi consiglia è una delle cause che hanno contribuito a portare il nostro Paese nell'attuale situazione.

Laura Buscema

Coordinatrice Provinciale IDV - Donne

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Italia dei Valori

Il candidato consigliere nella lista dell'Italia dei Valori propone il recupero di edifici in disuso ed aree abbandonate da destinare ad associazioni. Leggi tutto
Italia dei Valori
Capolista il Segretario regionale Paolo Carbonaro. Leggi tutto
Italia dei Valori

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa