Pesca, "Bene regolamento europeo sulla tracciabilità, ma no a eccessivi tecnicismi nei controlli"

Coldiretti: "Necessario semplificare e non intricare ancora di più la normativa sulla pesca, per sostenere davvero il settore ittico locale"

Sabato, 13 Marzo 2021 10:33

 

Se da un lato il nuovo Regolamento Controlli europeo rappresenta un'occasione per rendere tracciabile l'origine dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura lungo tutta la filiera, dall'altro, anche per i pescatori liguri, rischiano di aumentare i requisiti da soddisfare per poter uscire in mare, con l'istallazione di telecamere a bordo, oltre a norme più severe da seguire, ad esempio, per il giornale di pesca elettronico: così si rischia solo di aprire ancora di più la strada all'arrivo di pesce straniero sulle tavole, oltre a mandare ulteriormente in crisi un settore che ha già subito pesanti perdite in anno di pandemia. È come commenta Coldiretti Liguria il nuovo Regolamento approvato dal Parlamento Europeo che si avvia ora all'iter di negoziato in Consiglio.

"Anche questa volta – afferma Daniela Borriello, Responsabile di Coldiretti Impresapesca Liguria – è mancata una reale azione per semplificare l'intricata normativa sulla pesca, rendendola più equa e proporzionale a livello europeo. Quello che si rischia ora sono eccessivi tecnicismi nei controlli a causa dell'installazione obbligatoria delle telecamere CCTV per le imbarcazioni sopra i 12 metri identificate come ad alto rischio di inosservanza dell'obbligo di sbarco.

Norme più severe anche per il giornale di PESCA elettronico e il Vessel Monitoring System; e invece di rendere più proporzionate le sanzioni amministrative, si prevede un inasprimento, con sanzioni penali. Riteniamo che i controlli siano necessari, ma è anche indispensabile garantire alle imprese di non dover aumentare ulteriormente i costi di gestione e la burocrazia che, di fatto, strozza quelle più piccole e non risolve i problemi."

"I nostri pescatori - affermano il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa - che svolgono l'attività nel pieno rispetto delle regole, tutelando l'ambiente marino e le specie presenti, vengono di fatto penalizzati da queste norme ancora più stringenti, che colpiscono un sistema che soffre già, nella nostra regione, a causa della concorrenza sleale del pesce straniero, delle perdite subite a causa della pandemia e per la mancanza di un reale cambio generazionale. Soprattutto quest'anno serve tenere realmente conto delle esigenze di riproduzione delle specie e delle esigenze economiche delle marinerie, evitando di portare le aziende sotto la soglia di sostenibilità economica.

Bene invece la decisione del Parlamento Europeo sulla tracciabilità dell'origine dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura, non solo alla produzione o all'immissione nella filiera, ma bensì lungo tutta la catena alimentare, compresi i prodotti lavorati e importati. Questo è un aspetto fondamentale per la sicurezza del consumatore e per le marinerie locali, ma bisogna sostenere realmente il settore permettendo così alle imprese di continuare a pescare , rinforzare i bilanci e l'occupazione regionale."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Coldiretti

Via XXIV Maggio,
19124 La Spezia

Tel. 0187 736041

www.laspezia.coldiretti.it/

Ultimi da Coldiretti

Stop alle pratiche commerciali sleali come sollecitato da Coldiretti Leggi tutto
Coldiretti
Fiorente, purtroppo, anche il mercato della contraffazione, che si stima abbia superato nel 2020 i 100 miliardi di euro. Leggi tutto
Coldiretti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa