Peracchini: "Un cambio di passo nell'urbanistica. Un equilibrio fra la valorizzazione dell'esistente e la rigenerazione urbana"

"Il Consiglio Comunale ha approvato grazie alla maggioranza di centrodestra tre importanti delibere urbanistiche"

Martedì, 17 Novembre 2020 13:58

 

 Nell'ultima seduta di Consiglio Comunale della Spezia, sono state approvate dalla maggioranza tre delibere della Giunta Peracchini su proposta dell'Assessore all'Urbanistica Anna Maria Sorrentino riguardo all'attribuzione della destinazione di zona al servizio religioso di interesse urbano ubicato in località San Bartolomeo, via Enrico Toti n. 15; alla rigenerazione di ambiti urbani in condizioni di degrado urbanistico ed edilizio via Istria e quella sita in via Prosperi, via del Canaletto, Parco della Maggiolina.

"Il Consiglio Comunale ha approvato grazie alla maggioranza di centrodestra tre importanti delibere urbanistiche – dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini – Finalmente ci svincoliamo dalla mentalità del passato che ha sempre proposto per decenni una città del cemento con un consumo del suolo irrazionale e spropositato per inaugurare, invece, una città del verde, con una visione equilibrata fra la valorizzazione dell'esistente e la rigenerazione urbana. Nella nostra Città ci sono ancora delle aree con opportunità di riqualificazione e rigenerazione, come quella di Via Prosperi.

Quel sito, infatti, rappresenta un investimento importante per offrire ai nostri concittadini edilizia residenziale di qualità, appartamenti moderni e ecosostenibili, in un'area verde che si completa e che si integra con il Parco della Maggiolina. Dal punto di vista storico, non solo sono salvaguardati quegli elementi di valore storico-ambientale presenti nell'area ma anche saranno oggetto di un recupero importante. Diversamente dal passato, infatti, in cui si paventava il rispetto della storicità degli immobili mentre venivano soltanto lasciati all'incuria e all'abbandono, oggi l'intenzione è quella di salvaguardali e di integrarli in armonia con un nuovo progetto.

Quell'area, inoltre, va inquadrata in un orizzonte ben più ampio del futuro del quartiere Canaletto, che riguarda il nuovo parcheggio in costruzione e la riqualificazione dell'area Beghi. Nella crisi che stiamo attraversando, sanitaria ma anche pandemica, - continua il Sindaco Peracchini - questa delibera rappresenta un segno di fiducia degli imprenditori che, nonostante tutto, hanno la forza e il coraggio di investire sul nostro territorio. Un esempio da imitare e che l'Amministrazione continuerà a incoraggiare perché è la dimostrazione che alla Spezia si può fare e si può fare bene."

La prima deliberazione di Consiglio Comunale approvata riguarda il cambiamento di destinazione urbanistica di un immobile destinato a servizi di interesse generale già sede del Convento delle Suore Carmelitane Scalze e ora dismesso. I fabbricati con destinazione a servizi, di proprietà privata, se dismessi, possono infatti assumere la destinazione di zona limitrofa.

La seconda deliberazione di Consiglio Comunale approvata riguarda la rigenerazione di ambiti urbani in condizioni di degrado urbanistico ed edilizio individuato nella zona di via Istria su proposta privata presentata dalla società L'ingegnere Costruzioni S.r.l. . Grazie alla deliberazione, infatti, è stato dato il via libera alla trasformazione urbanistica e la rigenerazione urbana di un'area degradata collocata lungo la linea ferroviaria Genova-La Spezia-Pisa, a sud dell'area di Valdellora, accessibile da Via Crispi, da Via Redipuglia e da Via Asso. La proposta di rigenerazione urbanistica ed ambientale prevede interventi destinati a rinnovare tutto l'aspetto del Distretto, in modo da conseguire significativi vantaggi in termini di qualità urbana e di miglioramento del quadro infrastrutturale.

Gli obiettivi della rigenerazione urbana sono: la riqualificazione di uno spazio oggi degradato, con presenza di attività produttive in via di dismissione; la realizzazione di edifici residenziali caratterizzati da modalità tecniche costruttive innovative a basso consumo energetico; la realizzazione di servizi di interesse collettivo, culturale e verde urbano; la rigenerazione ecologica e la riduzione dei consumi energetici ed idrici; la gestione sostenibile dei rifiuti urbani e dei cicli delle acque; la piantumazione di alberature lungo il margine stradale; l'eliminazione delle condizioni di degrado urbano. Lo schema di progetto proposto prevede la realizzazione di tre edifici ad uso abitativo lungo la nuova viabilità, elemento determinante del riassetto e della riqualificazione dell'area perché consente di attuare un primo tratto di una importante connessione viabilistica tra la Galleria Spallanzani e l'Ospedale Civile S. Andrea.

La terza deliberazione riguarda la trasformazione urbanistica e la rigenerazione ambientale collocata ai margini del quartiere di Migliarina, all'incrocio tra via Prosperi e via del Canaletto, e confinante ad ovest con il Parco della Maggiolina, a sud con via Carducci e ad est con area caratterizzata anch'essa da alto degrado urbanistico ed edilizio su proposta privata presentata da L'Immobiliare Maggiolina, in qualità di soggetto attuatore. La rigenerazione urbana prevede la realizzazione di due edifici di otto piani lungo Via Prosperi a funzione prevalentemente residenziale, fatta eccezione per i piani terra a destinazioni commerciali – terziarie – artigianali e di un edificio di cinque piani lungo Via del Canaletto, tutto in armonia con le altezze degli edifici esistenti.

L'area di cessione, incrementata del 20%, viene destinata interamente a parco urbano, a sviluppo e completamento dell'adiacente Parco della Maggiolina. Viene previsto il mantenimento di un edificio di valore storico-ambientale in adiacenza ai nuovi interventi, mentre è prevista la demolizione degli edifici in marcate condizioni di fatiscenza. L'area in stato di abbandono circostante, con vegetazione erbacea e baraccamenti si trova in stato di grave fatiscenza e pericolosità. A fronte di un raddoppio dell'indice edificatorio viene previsto un incremento dell'area di cessione destinata a verde pubblico e alla realizzazione di una piazza pubblica alla base dei due edifici più alti ai cui piani terra saranno localizzate funzioni commerciali e terziarie.

Gli obiettivi della rigenerazioni urbana sono: privilegiare la connettività degli insediamenti dal punto di vista ecologico-ambientale e della continuità pedonale con i tessuti limitrofi; limitare gli incrementi di edificato entro il limite della morfologia esistente; inserire funzioni centralizzanti ed aree di aggregazione; incrementare le aree di cessione; mantenere alto il livello di permeabilità dei suoli; incrementare la densità arborea potenziando la distribuzione del verde; recuperare l'edificato storico esistente.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comune della Spezia

Piazza Europa, 1
19100 La Spezia

Tel. 0187 727 456 / 0187 727 457 / 0187 727 459
Fax 0187 727 458

www.comune.laspezia.it/

Ultimi da Comune della Spezia

Sostegno alle famiglie monogenitoriali con figli minori. Leggi tutto
Comune della Spezia
Sabato toccherà alla zona di Fossamastra. Leggi tutto
Comune della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa