massardo kassamatis massardo kassamatis
TOTI SANSA MASSARDO SALVATORE CASSIMATIS
CHIAPPORI CARPI  VISIGALLI BENETTI RUSSO
383.053
265.506 16.546 6.088 1.244 3.569 576 1.129 3.165 1.614
 56.13%   38.90% 
  2.42% 0.89%
  0.18% 0.52%  0.08%  0.17%  0.46%  0.24% 

REGIONALI 2020

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE 

"In 5 anni di legislatura totiana si è lavorato per lacerare il sistema regionale delle aree protette" In evidenza

Massimo Caleo (PD Dipartimento Parchi) commenta la sentenza della Corte Costituzionale sulla modifica alla legge regionale ligure sui Parchi.

Mercoledì, 08 Luglio 2020 20:00
Massimo Caleo, coordinatore Dipartimento PD nazionale parchi e aree protette Massimo Caleo, coordinatore Dipartimento PD nazionale parchi e aree protette

"Al di là delle valutazioni di merito che sono state riprese puntualmente dalle associazioni ambientaliste, preme sottolineare un atteggiamento dilettantistico della giunta regionale ligure. Trattano argomenti complessi, delicati come le aree protette senza il necessario approfondimento e una adeguata interlocuzione legislativa", lo afferma Massimo Caleo, coordinatore Dipartimento PD nazionale Parchi e Aree Protette.

"Insomma, la solita superficialità, con la quale spesso si affrontano argomenti sconosciuti e mai studiati. E l'attenzione che si è avuta in questi anni nel sistema dei parchi si appalesa dal numero di Enti commissariati (4: Alpi Liguri, Aveto, Montemarcello Magra e Portofino.), dai direttori a scavalco (il dirigente del servizio aree protette della Regione Liguria dirige 3 parchi, Antola, Alpi Liguri e Portofino)".

"Per completare il quadro, aggiungerei anche la mancata trasformazione del Parco Regionale di Portofino in Parco Nazionale; si vuole fare un parco francobollo, strizzando l'occhio ai vari portatori di interesse e di voti, non cogliendo l'opportunità di una migliore conservazione della natura, di una proiezione internazionale del territorio, con importanti ricadute anche sul piano economico, liberando pure energie finanziarie per le aree protette regionali".

"Infine, da ultimo ma non meno importante, il tentativo, mai smentito ufficialmente e tenuto a galleggiare per anni, di soppressione del parco di Montemarcello Magra. Questo è il background della legge sui parchi targata Toti-Mai, i cui articoli più "pesanti" sono stati dichiarati illegittimi dalla Corte Costituzionale".

"Una legge regionale che ha fatto strame della legge fondamentale dei parchi, la 394/91. Si riducevano i perimetri delle aree protette senza consultare gli enti parco e gli EELL; la pianificazione di parco non era più prevalente rispetto ad altre pianificazioni; si sono cancellate aree protette locali e non si sono istituiti nuovi parchi e altro ancora come riportato in dettaglio dagli organi di stampa".

"Criticità che erano state segnalate per tempo anche da Federparchi Liguria ma, come sempre è successo, sono rimaste lettera morta".

"In questi cinque anni di legislatura totiana si è lavorato alacremente alla lacerazione del sistema regionale delle aree protette liguri al cui successo voglio ricordare hanno lavorato nei decenni precedenti giunte diverse, anche politicamente molto distanti".

"Si vigilava ma non si ingeriva nel governo del territorio. Principi stravolti con l'avvento di questo centrodestra, tutto chiacchiere e distintivo. Le prime dichiarazioni del Presidente Toti e del disorientato assessore Mai fanno intendere che di questa legge si riparlerà nel corso della prossima legislatura, verificando se e come riproporre le tematiche oggetto di rilievo da parte della Consulta".

"Questo è un punto importante di valutazione politica, i liguri avranno un elemento in più per giudicare l'operato di questa amministrazione regionale e trarne le debite conclusioni. Una amministrazione lontana dalle tematiche ambientali e sui parchi; una amministrazione che non ha saputo beneficiare della utilità delle aree protette nel contrasto alle fragilità territoriali della Liguria (le cui responsabilità, ad onor del vero, sono più diffuse), alla conservazione della biodiversità, improntate ad uno sviluppo più sostenibile. Il futuro della Liguria passa dalla corretta gestione del territorio, impegnandosi nel correggere errori e sottovalutazioni del passato, valorizzando energie scarsamente utilizzate. Non credo che questa coalizione di destra, per natura e per cultura, abbia le carte in regola per dare risposte positive su queste indispensabili tematiche".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

Le questioni ambientali al centro di un incontro organizzato dal PD a Sarzana. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa