"Di notte nelle valli del biologico fino al giungere del giorno sulla vetta del monte Gottero" In evidenza

L'evento "L'Alba del Gottero", nonostante il tempo avverso, ha registrato un notevole numero di partecipanti.

Domenica, 05 Luglio 2020 11:00
L'arrivo sulla vetta del Monte Gottero L'arrivo sulla vetta del Monte Gottero Mangia Trekking

Seppur fosse stato diramato un avviso di burrasca, l’evento denominato “L’Alba del Gottero”, organizzato dal Comune di Varese Ligure in collaborazione con l’associazione Mangia Trekking ha registrato una notevole partecipazione.

Quarantotto persone di ogni età, provenienti da Liguria, Toscana ed Emilia, hanno partecipato l’altra sera, alla salita in notturna sul monte Gottero. Un’attività, dato il meteo, che ha permesso soltanto di veder nascere il giorno, ma ha egualmente contribuito a far conoscere il territorio e promuovere la familiarizzazione con gli ambienti montani.

L’alpinismo lento continua ad organizzare iniziative che sembrano richiamare crescente attenzione ed ad avvicinare agli ambienti naturali. Nello specifico si è trattato di un avvincente cammino, in un territorio buio, battuto dal vento, ed a tratti leggermente piovoso, che dagli ampi spazi destinati alle coltivazioni agricole, attraversando selve di faggio, ha condotto tutti i partecipanti fin sulla vetta della rinomata e storica montagna.

Durante il cammino, molti hanno espresso l’emozione, di ritrovarsi ad attraversare quelle terre ancora incontaminate, oggi riconosciute come dimora di lupi, cinghiali, caprioli, volpi ed ogni altro selvatico.

Come ha poi osservato un partecipante all’esperienza, proveniente da Livorno, anche la posizione geografica (Tre Confini ), tra le province di Massa Carrara, Parma e La Spezia, insieme ai panorami osservati al venir del giorno dalla vetta del Gottero, ha conferito all’iniziativa il valore di una sensibile promozione territoriale.

Dopo il cammino, come vuole lo spirito migliore dell’alpinismo lento, tutti i partecipanti all’iniziativa, si sono ritrovati a far colazione al Rifugio Passo Cento, oggi un riferimento del territorio, e poi più tardi, per qualche degustazione di prodotti tipici, all’osteria “du Chiccinettu”. Così l’alpinismo lento continua ad affermarsi, rappresentando una possibile risorsa turistico-culturale dei luoghi dell’entroterra.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Mangia Trekking

Alcuni associati hanno provveduto alla manutenzione della segnaletica per le antiche vie sentieristiche. Leggi tutto
Mangia Trekking
Un format di promozione dell'attività di alpinismo lento. Leggi tutto
Mangia Trekking

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa