Stampa questa pagina

Nuova sede Protezione Civile Porto Venere: inaugurato il cantiere In evidenza

Il rudere di via dei Calafatti all’ingresso del borgo delle Grazie, passa finalmente a nuova vita

Lunedì, 08 Giugno 2020 15:09

Dopo 50 anni di abbandono, il rudere di via dei Calafatti all’ingresso del borgo delle Grazie, passa finalmente a nuova vita e la Protezione Civile di Porto Venere avrà la sua nuova sede entro l’inizio della primavera 2021.
Oggi, alla presenza del Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti e dell’Assessore Regionale alla Protezione Civile, Giacomo Raul Giampedrone, è stato inaugurato il cantiere dei lavori, che dureranno circa 9 mesi (260 giorni consecutivi).

L’intervento prevede il completo rifacimento della struttura,che si svilupperà su due piani per una superficie totale di circa 130 mq, all’interno della quale potranno essere svolte le attività connesse al servizio di Protezione Civile, grazie alla presenza di tutte le necessarie dotazioni tecnologiche.
E’ previsto anche impianto idrico esterno di ricarica mezzi di soccorso ed un servizio igienico pubblico esterno, rimovibile e fornito di vasca settica interna, da collocare in prossimità della struttura ma con possibilità di dislocare altrove, all’interno del territorio comunale, qualora le esigenze lo richiedano.
Il quadro economico dell’opera è stato stimato in 510.000 € e verrà finanziata per la somma di 400.000 € dal Fondo Strategico della Regione Liguria e per i residui 110.000 € dai fondi comunali.

“Sono particolarmente soddisfatto di questo risultato – afferma il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - che, anche grazie al cofinanziamento di 400mila euro dal Fondo Strategico Infrastrutture della Regione, consentirà a Porto Venere di avere in breve tempo una nuova sede, moderna e funzionale, per la squadra comunale della Protezione civile, utilizzabile anche come centro di aggregazione per Le Grazie”.

“Il nostro sostegno – aggiunge l’assessore alle Infrastrutture e Protezione civile Giacomo Giampedrone - vuole essere il segno tangibile dell’attenzione di questa amministrazione ai temi della Protezione civile e soprattutto ai volontari, che in questi cinque anni sono stati un aiuto prezioso in tutte le emergenze che abbiamo dovuto affrontare e che abbiamo superato insieme. Questi lavori consentiranno di eliminare uno scempio di questo splendido territorio, trasformando questo edificio abbandonato da anni e fatiscente in un luogo di cui tutti i cittadini saranno orgogliosi”.

“Innanzitutto un doveroso ringraziamento va alla Regione Liguria per il prezioso contributo e collaborazione, senza i quali questo progetto non avrebbe potuto prender vita – dichiara il Sindaco Matteo Cozzani – Questa opera è una promessa mantenuta dalla nostra amministrazione ed un altro ulteriore importante passo avanti per raggiungere l’obbiettivo strategico di ottimizzazione del territorio, in linea con l’intervento di ristrutturazione della Locanda San Pietro e con il piano di valorizzazione dell’Isola Palmaria. La nuova sede – conclude il Sindaco - rappresenta anche un riconoscimento per tutti i volontari che in questi anni sono sempre stati al nostro fianco durante le emergenze e che anche in questo periodo di grave emergenza sanitaria hanno ricoperto un ruolo fondamentale, dimostrando un grande legame con il territorio, sacrificando tempo e spendendo energie per il bene della nostra collettività e che non ci stancheremo mai di ringraziare per questo.”

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Comune di Porto Venere

Tutte le informazioni su chi può richiederli e come fare. Leggi tutto
Comune di Porto Venere
Stamattina la visita del sindaco Matteo Cozzani. Leggi tutto
Comune di Porto Venere

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa