I sindacati: "Domani sciopero unitario dei lavoratori della grande distribuzione" In evidenza

I sindacati: "Vogliamo denunciare il mancato rispetto delle normative igienico sanitarie".

Sabato, 21 Marzo 2020 12:00

"Scioperiamo per la sicurezza di cittadini e lavoratori e per il rispetto delle normative sanitarie anti Covid-19 nella grande distribuzione". Così Luca Comiti, Filcams Cgil, Mirko Talamone, Fisasct Cisl e Marco Callegari, Uiltucs, che continuano: "abbiamo chiesto a livello nazionale la chiusura di tutti i punti vendita nella giornata di domenica ed alcune associazioni datoriali hanno rifiutato; e tutti i lavoratori che da giorni svolgono incessantemente un servizio fondamentale devono riposare ed avere sollievo psicofisico".

"Proclamiamo quindi per domenica 22 marzo 2020 lo sciopero di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori dipendenti del settore, per l'intero turno di lavoro, per le realtà che hanno deciso di rimanere aperte come Lidl, Carrefour, Basko, Ins, Eurospin in franchising ed Esselunga".

"Vogliamo denunciare, ancora una volta, il mancato rispetto delle normative igienico sanitarie e delle regole per la tutela dei lavoratori da parte di alcune aziende. Molte catene hanno deciso di chiudere nella giornata di domenica, e quindi c'è il concreto rischio di un sovraffollamento dei punti vendita che rimarranno aperti, con evidenti problemi di trasmissione del contagio. Responsabilmente, a partire da lunedì 23 marzo, garantiremo nuovamente lo svolgimento dell'importante attività lavorativa svolta sino ad oggi."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Secondo il Piano regionale ogni territorio deve chiudere il ciclo dei rifiuti. Leggi tutto
CGIL
Un percorso formativo in modalità a distanza con un'indennità pari a 500 euro/mese per un massimo di 5 mesi. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa