Spezia a Carrara nell'ambito del workshop del progetto comunitario ADAPT In evidenza

L'assessore Kristopher Casati presente assieme all'assessore del comune di Carrara Sarah Scaletti.

Martedì, 25 Febbraio 2020 12:12

Le alluvioni causate da piogge improvvise e intense sono un fenomeno che sempre più spesso coinvolge e colpisce le nostre città, aggravando il rischio idrogeologico e mettendo in pericolo sia il tessuto urbano che la stessa incolumità dei cittadini.

Per affrontare e gestire al meglio questo problema, causato principalmente dai cambiamenti climatici in atto, il Comune della Spezia ha aderito al progetto comunitario ADAPT (Assistere l'aDattamento ai cambiamenti climatici dei sistemi urbani dello sPazio Transfrontaliero), insieme ad altri 13 enti liguri, toscani, sardi e francesi e cofinanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020.

Delle sfide poste dal cambiamento climatico, in particolare riguardo alle alluvioni urbane, si è parlato durante il workshop di trasferimento che il Comune della Spezia ha organizzato venerdì 21 febbraio a Carrara, al Liceo scientifico Marconi.

L'obiettivo del workshop è stato quello di facilitare il riutilizzo di prodotti e strumenti realizzati nell'ambito di ADAPT anche in un territorio non direttamente coinvolto nel progetto ma comunque caratterizzato da criticità simili in caso di piogge improvvise e intense.

Tra il pubblico gli studenti e i rappresentati degli Ordini. Per il Comune della Spezia era presente l'Assessore all'Ambiente Kristopher Casati e per il Comune di Carrara l'Assessore all'Ambiente Sarah Scaletti. Si sono avvicendati interventi di tecnici e funzionari comunali spezzini del Servizio Politiche Comunitarie, Ambiente, Lavori Pubblici, oltre a ricercatori Paola Salvati e Stefano Gariano del CNR IRPI di Perugia che hanno illustrato le analisi territoriali e gli studi sulle dinamiche dei fenomeni climatici, il profilo climatico locale e la proposta di Piano di adattamento ai cambiamenti climatici locali nel territorio spezzino, redatti in collaborazione tra il Comune della Spezia ed il CNR IRPI di Perugia.

Il ricercatore dell'Università di Firenze Alessandro Errico ha invece illustrato lo studio sul reticolo idrografico e sulla vegetazione più idonea a migliorare la stabilità dei ravaneti dei bacini marmiferi di Carrara realizzato dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali dell'ateneo fiorentino in collaborazione con Anci Toscana, capofila di ADAPT.

« Il Comune della Spezia è in prima linea sui temi ambientali, sia dal punto di vista amministrativo sia dal punto di vista di progetti comunitari - dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini - ADAPT è un progetto che coinvolge 14 enti presenti in Liguria, Toscana, Sardegna e in Francia e si occupa non solo dei cambiamenti climatici ma soprattutto capire quali siano le principali linee di azioni più efficaci per adattarsi ai cambiamenti climatici indotti dalla trasformazione del clima che causa, direttamente o indirettamente, criticità che devono essere affrontare. Sono particolarmente orgoglioso di questo progetto, perché credo che il nostro Comune possa portare all'attenzione buone pratiche messe a punto negli ultimi anni in termini di politiche ambientali e di protezione civile. Ringrazio tutti gli uffici coinvolti e l'Assessore all'Ambiente Casati che sta portando avanti questo progetto »

«Il Comune della Spezia – dichiara l'Assessore Casati - eseguirà, secondo quanto previsto dal Progetto Adapt, un monitoraggio sia delle azioni realizzate che di quelle in corso di svolgimento, per verificare l'efficacia delle decisioni e i progressi compiuti nell'ambito dell'adattamento ai cambiamenti climatici e nel caso, adeguarle, a seguito di mutate condizioni o esigenze. Inoltre è possibile, in base alle economie del Programma di cooperazione trasfrontaliero Interreg Italia-Francia Marittimo che venga emanata una nuova call, a cui noi parteciperemo, nel solco di ADAPT, al fine di realizzare nuove azioni volte a contrastare il cambiamento climatico».

«I cambiamenti climatici rappresentano sicuramente la sfida con la quale oggi tutti noi, anche solo come semplici cittadini, siamo chiamati a confrontarci. Evolvere verso una città resiliente: da questo obiettivo non possiamo prescindere e auspichiamo che eventi come questo workshop, portato nelle scuole da cui usciranno i tecnici di domani, contribuiscano a far nascere e consolidare in queste nuove generazioni una speciale sensibilità verso queste tematiche. La consapevolezza che il nostro territorio debba evolvere in questo senso la ritroviamo nel Piano Operativo Comunale che la nostra amministrazione sta completando, così come è presente nei Piani Attuativi dei Bacini Estrattivi, già adottati, dove si affronta il tema dei ravaneti e della loro duplice valenza di potenziale rischio dal punto di vista idrogeologico ma anche di protezione per la città grazie alla loro capacità di immagazzinare acqua durante gli eventi meteorici. È proprio durante la redazione di questi piani che abbiamo avuto modo di collaborare con il dottor Errico che è stato uno dei relatori di questo workshop illustrandoci proprio lo studio sviluppato proprio sui ravaneti dei nostri bacini estrattivi» dichiara l'Assessore Scaletti.

La settima scorsa i partner liguri di ADAPT, ovvero i Comuni di Savona, Vado Ligure, La Spezia e Fondazione CIMA, in collaborazione di IRE Liguria, hanno organizzato un convegno di capitalizzazione a Savona con l'obiettivo di affrontare le tematiche dell'adattamento al cambiamento climatico a livello locale e regionale. Nell'incontro, le città si sono confrontate in particolare sull'implementazione dei piani locali di adattamento, per continuare insieme un percorso di resilienza territoriale in risposta all'attuale crisi ambientale.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comune della Spezia

Piazza Europa, 1
19100 La Spezia

Tel. 0187 727 456 / 0187 727 457 / 0187 727 459
Fax 0187 727 458

www.comune.laspezia.it/

Ultimi da Comune della Spezia

Intorno alle 13 dovrebbe essere possibile riaprire almeno due corsie su quattro. Leggi tutto
Comune della Spezia
I due poli espositivi condividono dal 2005 i locali del quattrocentesco oratorio di San Bernardino. Leggi tutto
Comune della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa