Legambiente chiede di riattivare il tavolo sul Piano Regolatore Portuale In evidenza

"Prima di ogni considerazione vengono la salute dei cittadini e dei lavoratori".

Venerdì, 27 Dicembre 2019 15:57

 

L'Associazione interviene nel dibattito cittadino che tiene banco da giorni, e richiama porto e città ad un momento di riflessione sullo stato di attuazione delle prescrizioni ministeriali allegate alla Valutazione di Impatto Ambientale connessa all'approvazione del PRP (Piano Regolatore Portuale) attualmente in vigore.

"Vorremmo che il Ministero dell'Ambiente ci dicesse se, dopo quasi 14 anni dall'approvazione del PRP, le prescrizioni ambientali sono state adottate e attuate. In caso contrario qualcuno dovrebbe intervenire", afferma Legambiente La Spezia.

"Rumori, polveri e consumi di suolo e mare - sempre secondo Legambiente - dovevano rientrare in un contesto di gestione integrata del porto, di città e di Golfo, mentre ormai il dibattito si sta appiattendo sul gioco a incastri di Calata Paita, Molo Garibaldi ecc."

Legambiente chiede di "riattivare il tavolo sul PRP da troppi anni sospeso e non più fatto funzionare"

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Legambiente

Parametri superati di più del doppio rispetto ai limiti di legge. Leggi tutto
Legambiente
Unica località ligure tra le prime quindici della classifica. Leggi tutto
Legambiente

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa