Cinghiali, Confagricoltura: "Crescita del 400% in 30 anni" In evidenza

Una crescita fuori controllo dei cinghiali per oltre il 400% in trent'anni: è questo il risultato della non gestione delle popolazioni faunistiche.

Giovedì, 07 Novembre 2019 15:53

La sovrappopolazione degli ungulati continua ad essere un problema enorme per gli agricoltori, per la fauna minore, per il territorio, per l'ambiente, per la sicurezza anche dei cittadini. Lo sottolinea Confagricoltura Liguria che sollecita interventi risolutivi.

Tanti i titoli di giornali quando ci sono gli incidenti mortali, quando gli agricoltori protestano per i danni subiti, quando la biodiversità, la salute, la sicurezza sono in pericolo – osserva il presidente ligure di Confagricoltura, Luca De Michelis – poi, nessuna azione concreta. "Una cosa è certa: il problema esiste e va affrontato e risolto. Chi dovrebbe agire, oltre ad essere inerte, si nasconde colpevolmente".

Abbiamo una normativa superata – evidenzia Confagricoltura Liguria - che affida la gestione della selvaggina al mondo venatorio, che ha ormai messo in evidenza tutti i suoi limiti. Estraniare gli agricoltori, che ospitano la selvaggina sui loro territori, dalla sua gestione, si è rivelato un errore grandissimo.

Le tante inerzie derivanti da una legislazione che demanda alle Regioni, spesso inattive, il compito di governare la materia e di intervenire e correggere le storture, hanno prodotto una situazione inaccettabile, denunciata anche dal Tribunale di Palermo che - a seguito di aggressioni di cinghiali a cittadini - ha sottolineato la responsabilità delle amministrazioni pubbliche nel caso non siano stati adottati piani mirati di contenimento.

Confagricoltura Liguria esorta ad uscire dalla sterile fase della contrapposizione tra mondo venatorio e mondo ambientalista, acquisendo tutti la consapevolezza che il problema della gestione della fauna va affrontato anche con misure che prevedano il riequilibrio delle presenze faunistiche sul territorio.

L'Organizzazione degli agricoltori chiede il monitoraggio obbligatorio su scala regionale e nazionale delle popolazioni di ungulati e l'avvio di azioni straordinarie di prelievo, superando tutte quelle previsioni normative che limitano gli interventi. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza che richiede la collaborazione di tutti gli attori, agricoltori, cacciatori, selettori, e se serve anche delle forze dell'ordine e dell'esercito per dare una risposta immediata.

Occorre infine prevedere – conclude Confagricoltura Liguria – adeguati indennizzi per i danni diretti e indiretti che subiscono le aziende agricole e snellire le procedure per valutazione dei danni e del conseguente tempestivo ristoro. In tal senso, vorremmo ricordare che nelle settimane scorse abbiamo mandato una lettera molto chiara a tutti i Comuni liguri, riscontrando davvero poca, se non nulla, attenzione ad adottare appositi ordini del giorno in materia.

Andrea Sampietro

Direzione Regionale

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Confagricoltura La Spezia

Ritenuta positiva l'estensione del bonus verde, timori per la riduzione degli incentivi ai carburanti agricoli se non graduale. Leggi tutto
Confagricoltura La Spezia
Il clima è stato avverso e la mosca olearia non è stata combattuta da tutti nel modo corretto. Leggi tutto
Confagricoltura La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa